Covid, ritardi Pfizer: Zampa e Palù (Aifa) fanno il punto sui vaccini

In un intervento a “Radio anch’io”, la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, e il presidente dell’Aifa, Giorgio Palù,  hanno fatto il punto sulla questione dei vaccini contro il coronavirus. (A CHE PUNTO SIAMO IN ITALIA E NEL MONDO- PILLOLE DI VACCINO)
All’indomani della conferenza stampa in cui il Commissario per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri, ha annunciato un calo del 20%, comunicato da Pfizer, nelle consegne delle dosi la prossima settimana, entrambi hanno espresso preoccupazione per i ritardi dell’azienda farmaceutica nella fornitura dei vaccini anti-Covid all’Italia.

Zampa: “Contro ritardi Pfizer serve voce forte Ue”

Covid in Italia e nel mondo, le ultime notizie. DIRETTA

“Abbiamo già investito l’Avvocatura dello Stato di questa partita contro la Pfizer per i ritardi sul vaccino anti-Covid”, ha dichiarato la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa. “Però io credo che oltre agli Stati membri deve essere l’Europa che deve agire con molta decisione e fermezza nei confronti della Pfizer, avendo trattato per tutti e avendo una voce molto forte che rappresenta tutti gli Stati membri”, ha aggiunto.
“Ieri da Pfizer e da Ursula von der Leyen sono arrivate rassicurazioni relativamente alla riduzione delle dosi che, hanno annunciato, nelle prossime settimane dovrebbero tornare al 100%. È girata anche la certezza che forse solo per una settimana ancora, ma a questo punto vogliamo vedere come andranno le cose”, ha poi precisato Zampa.

Palù: “Ritardo Pfizer? Dal 15 febbraio forse sanato”

Il presidente dell’Aifa, Giorgio Palù, ha ribadito che i ritardi di Pfizer “complicano il quadro”. “C’è una certa preoccupazione – ha aggiunto – ma sembra che nella settimana che comincia il 15 febbraio il ritardo dovrebbe essere sanato. Se fosse solo un ritardo tecnico, come sembra, una settimana o due non dovrebbero incidere granchè”.

Vaccino russo, Zampa: “Se l’Ema approva prenderemo anche Sputnik”

A proposito dell’eventuale possibilità di utilizzare anche il assolutamente sì, perchè non dovremmo?”.

Fonte : Sky Tg24