Termini, 43enne cerca di uccidere un senzatetto: voleva ripararsi per la notte nel suo giaciglio

Un uomo di 43 anni è stato arrestato ieri dagli agenti della Polizia di Stato del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio. L’accusa per lui è molto grave dato che è stato accusato di tentato omicidio. Si è accanito contro un ragazzo di 26 anni colpendolo ripetutamente alla testa con un bastone: il motivo, molto probabilmente legato all’occupazione di un giaciglio per la notte. Entrambi senza fissa dimora, si trovavano alla stazione Termini, uno dei luoghi di Roma dove chi non ha una casa si raduna per dormire, al fine di avere un posto più riparato dove passare la notte. A innescare la furia del 43enne, il fatto che il giovane si fosse messo a dormire in un punto che avrebbe voluto lui. E così, in preda alla collera, lo ha colpito più volte alla testa. Sono stati gli agenti di Polizia di Stato a fermarlo, evitando un epilogo tragico per il 26enne.

Termini, cerca di uccidere un 26enne: voleva il suo giaciglio

Il giovane era a terra per i colpi ricevuti, non riusciva più ad alzarsi. Quando i poliziotti sono intervenuti hanno bloccato il 43enne e chiamato il 118, giunto sul posto per prestare i primi soccorsi alla vittima e portarla immediatamente in ospedale. L’aggressore è stato invece portato negli uffici di polizia, dove è stato identificato. Dagli accertamenti è risultato avere numerosi precedenti penali per reati contro la persona e il patrimonio. Soprattutto era ricercato da tempo perché doveva scontare una pena di dieci mesi di reclusione per il reato di danneggiamento. Una volta finiti gli accertamenti è stato portato in carcere. Oltre a dover scontare i dieci mesi per danneggiamento, dovrà rispondere anche dell’accusa di tentato omicidio.

Fonte : Fanpage