Udinese, Gotti a rischio esonero dopo il ko con la Samp: “Non so cosa succederà”

Non è bastata una buona prestazione all’Udinese, al Ferraris contro la Sampdoria è arrivata un’altra sconfitta, la seconda consecutiva e la quarta nelle ultime cinque partite di campionato. In vantaggio con De Paul, i friulani sono stati ripresi da Candreva su rigore e superati poi da Torregrossa nel finale. Adesso la classifica diventa preoccupante: solo tre i punti di vantaggio sulla zona retrocessione e la posizione di Luca Gotti sempre più in bilico. Dopo gli ultimi risultati negativi, l’allenatore è a forte rischio e l’Udinese potrebbe decidere di cambiare. In caso di esonero, uno dei possibili profili valutati potrebbe essere Leonardo Semplici, sul quale però c’è anche l’interesse del Torino in caso di allontanamento di Giampaolo. In alternativa si valuta il ritorno di Andrea Stramaccioni, che ha già allenato il club friuliano nel 2014-2015.

“Abbiamo avuto paura, ora la classifica è brutta”

Gotti, scuro in volto, ha parlato così ai microfoni di Dazn nel postpartita: “Per oltre 70 minuti penso che abbiamo fatto una buona partita – ha detto l’allenatore dell’Udinese -, raccogliendo meno di ciò che abbiamo creato. Poi abbiamo subìto il pareggio e a quel punto la squadra non mi è piaciuta: è subentrata un po’ di paura e abbiamo concesso cose che non avremmo dovuto concedere. Ho riflettuto su come avrei potuto gestire meglio quel quarto d’ora finale, ma sinceramente non mi è sembrato di trovare grandi soluzioni. So che abbiamo una brutta classifica, arrivavamo qui dopo una partita persa al 90′ e, dopo il pareggio della Samp, ciò che è accaduto è stato determinato dall’aspetto mentale“.

“Non so cosa accadrà in futuro”

Gotti ha poi parlato del suo futuro: “Di sicuro ci saranno delle valutazioni, ci metteremo a discutere con la società come facciamo dopo ogni partita e lo faremo a maggior ragione dopo una situazione di classifica complicata come quella attuale. È stata una settimana difficile – ha proseguito l’allenatore bianconero a Sky Sport -, in questo momento sono qui e non so cosa dire sul futuro. Posso dire che è evidente che raccogliamo pochi punti con squadre che sulla carta sembrano abbordabili. Se ci serve un attaccante? Le punte le abbiamo, ma diverse di loro sono fuori per infortunio. Di sicuro oggi dovevamo fare più gol di quelli che abbiamo fatto”.

Fonte : Sky Sport