Torre Maura, anno nuovo problemi vecchi: liquami e infiltrazioni nelle case del Comune

I canali di scolo sui terrazzi sono ostruiti e le cantine sono ancora allagate da liquami. Non solo, le infiltrazioni alle pareti continuano a provocare danni ingenti agli inquilini che vivono negli appartamenti comunali del comprensorio ex Isveur a Torre Maura. Dal comitato ancora denunce e segnalazioni al dipartimento che però ad oggi restano lettera morta tranne alcuni interventi che non hanno sortito gli effetti sperati. “Siamo abbandonati” ha commentato al nostro giornale Angela Barone, presidente del comitato.

Da via delle Cince a via delle Alzavole e ancora in via dell’Usignolo dove “gli inquilini sono costretti a vivere con le bacinelle dentro casa per raccogliere l’acqua” hanno spiegato. L’ostruzione dei pozzetti fognari, inoltre, rende inagibile l’uso delle cantine a causa della presenza dei liquami e anche gli addetti alla manutenzione dei riscaldamenti vedono il loro lavoro ostacolato dal disagio. Fino ad ora sono stati gli stessi inquilini a porre rimedio, nei casi in cui questo era possibile, per evitare ulteriori problemi come il posizionamento della guaina sul terrazzo. E se fino a pochi mesi fa, gli allagamenti riguardavano solo gli ultimi piani, in via delle Cince i disagi partono già dai piani bassi.

“Il municipio si è interessato di alcune problematiche ma rispetto alla manutenzione non ha competenza che spetta invece al dipartimento dove però restano sordi alle nostre richieste” ha detto ancora Barone del comitato Inquilini. Nessuna manutenzione neppure per gli estintori che una volta posizionati non sono stati più controllati. “Il problema intorno cui ruota l’assenza di interventi è la mancanza di programmazione che comporterebbe la riqualificazione degli immobili” ha concluso Barone.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Allegati

Fonte : Roma Today