Milano Fashion Week, Zegna inaugura la moda maschile. L’intervista a Sky Tg24

In una versione esclusivamente digitale, prende il via l’appuntamento con le collezioni maschili. Anche le sfilate inizialmente previste dal vivo, andranno in scena a porte chiuse sulla piattaforma della Camera della Moda. Ermenegildo Zegna, con un progetto a metà tra il cinema e la sfilata, inaugura i cinque giorni di moda maschile e rende omaggio a Milano. 

Come era prevedibile a causa dell’emergenza sanitaria che tutto il mondo sta vivendo (CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI), l’appuntamento con le collezioni maschili, andrà in scena in una versione esclusivamente digitale e rigorosamente a porte chiuse sulla piattaforma della Camera della Moda. Ci si adegua alle nuove modalità imposte dalle regole anti-Covid, e camminando per le vie delle città manca quell’atmosfera vivace che siamo soliti respirare durante la fashion week. Armani già da subito aveva deciso di disertare la kermesse e con l’assenza di altri grandi brand, questa fashion week parrebbe sotto tono, ma in realtà c’è chi è riuscito a dare il meglio di sé. Stiamo parlando di Ermenegildo Zegna, che con un progetto a metà tra il cinema e la sfilata, ha inaugurato i cinque giorni di moda maschile rendendo anche omaggio a Milano.
 

La collezione è presentata come in un film. Fluidi movimenti della telecamera e passaggi non artefatti dall’interno verso l’esterno, e viceversa, offrono una narrazione visiva ricca di sorprese improvvise e passaggi repentini da una situazione all’altra. Gli scorci di una metropoli e gli interni di un edificio ideale scorrono dolcemente mentre i modelli attraversano stanze, percorsi e ambienti finché il (RE)SET non rivela finalmente il suo metasignificato: in realtà il set è il luogo teatrale dove avvengono le riprese. 

la nuova estetica firmata zegna

Confort e personalità sono le parole d’ordine: l’abito reimmaginato, morbido o con taglio vivo, non è un’uniforme, ma un modo per essere sè stessi. Può essere duttile e anche realizzato interamente in cashmere tricot o jacquard, ed è indossato con dolcevita ampi o pullover con zip invece che con una camicia. I volumi sono rilassati per le giacche e le giacche-camicia abbinate a pantaloni lunghi, per i soprabiti con cintura, i blouson e i maglioni double front. La continuità tra interno ed esterno si ritrova ovunque nei capi dove il mindset del progetto #UseTheExisting continua ad essere un imperativo.

Fonte : Sky Tg24