Il terzo capitolo di Deadpool si farà, parola di Kevin Feige

Il capo dei Marvel Studios conferma che l’attore Ryan Reynolds tornerà nei panni dell’eroe controvoglia e sboccato. E che il nuovo film sarà sempre vietato ai minori. Le sceneggiatrici, le stesse di Bob’s Burger, sono già al lavoro

Prima dell’acquisizione da parte di Disney, Deadpool era riuscito a diventare uno dei marchi supereroistici più di successo della Fox, che da tempo faticava a far fruttare i diritti Marvel in suo possesso dopo i fasti dei primi X-Men. Grazie alla coraggiosa scelta di fare dei film di supereroi vietati ai minori, calcando la mano su volgarità, violenza e soprattutto sull’irriverenza del protagonista e produttore Ryan Reynolds, le due pellicole del 2016 e 2018 hanno conquistato un’ampia fetta di pubblico e sono riuscite a riscrivere un genere ben codificato. Eppure, appunto dopo la fusione di Disney e Fox, il destino dello sboccato mercenario mascherato sembrava appeso a un filo, mal conciliandosi con lo spirito family-friendly del più grande Marvel Cinematic Universe. Nelle scorse ore, però, Kevin Feige ha ribaltato i pronostici.

A margine del lancio della serie WandaVision, infatti, il capo di Marvel Studios ha confermato che Deadpool 3 si farà e che sarà ancora rated R, ovvero vietato ai minori: torneremo, dunque, a vedere scene grottesche, sangue e altre ironiche oscenità. Feige ha aggiunto che le sorelle Lizzie Molyneux-Loeglin e Wendy Molyneux, note per essere fra le autrici dell’acclamata serie animataBob’s Burger, sono già al lavoro sulla sceneggiatura mentre le riprese non inizieranno prima del 2022. Se l’affollato calendario cinematografico previsto dalla Marvel non sarà stravolto eccessivamente dalle conseguenze future della pandemia, è probabile che il film possa arrivare nelle sale nel 2023.

Le parole di Feige fanno intendere una grossa novità, quando parla di Deadpool come “un tipo di personaggio molto differente per quanto riguarda l’MCU”, e in qualche modo conferma implicitamente che anche questo prossimo lungometraggio rientrerà nell’alveo del Marvel Cinematic Universe, condividendo dunque il medesimo universo narrativo degli Avengers e degli altri blockbuster supereroistici della Casa delle meraviglie. Dopo un decennio di grande linearità, ora il mondo Marvel si apre progressivamente ad altri innesti provenienti da fonti eterogenee: sempre a questo proposito lo stesso Feige in questi giorni ha detto “mai dire mai” rispetto a un possibile ritorno dei personaggi delle serie Marvel-Netlix (tanto che si vocifera di un possibile ritorno della Jessica Jones di Krysten Ritter in She-Hulk, per esempio).

Fonte : Wired