Morto Martino Scialpi, da 38 anni cercava di incassare un “13” da un miliardo al Totocalcio

È morto senza riuscire a incassare quel  “13” al Totocalcio che sosteneva di aver realizzato il primo novembre del 1981. Martino Scialpi, commerciante ambulante di Martina Franca (Taranto) diventato famoso in tutta Italia, si è spento a sessantasette anni. Come scrivono i quotidiani locali, Scialpi è morto la notte scorsa in Puglia, dove viveva, stroncato da un infarto. Da ormai quasi trentotto anni combatteva per incassare quella vincita da circa un miliardo di lire. Una vincita che non gli è stata mai riconosciuta perché il Coni ha sempre sostenuto che la schedina non sarebbe mai arrivata all’archivio corazzato del Totocalcio. Nel corso della lunghissima battaglia legale portata avanti dal commerciante pugliese era emerso che la ricevitoria dove Scialpi, all’epoca dei fatti un ragazzo di neanche trenta anni, aveva tentato la fortuna non avrebbe avuto le carte in regola per vendere le schedine in quel momento.

L’odissea di Scialpi raccontata anche nel libro “Ho fatto 13” –  Qualche anno fa il commerciante ambulante aveva scritto un libro dal titolo “Ho fatto 13” per raccontare la sua odissea. Un’odissea che lo ha portato anche a processo, chiuso con una assoluzione in via definitiva nel 1987 dall’accusa di truffa. Assistito dall’avvocato Guglielmo Boccia, negli anni Scialpi ha intrapreso con tenacia numerose azioni legali e pare che di recente si fossero aperti degli spiragli per una definizione positiva della controversia. Scialpi ha raccontato di aver sostenuto per le spese legali e i viaggi per raggiungere i tribunali di mezza Italia oltre 500.000 euro, ovvero più della cifra che avrebbe dovuto incassare trentotto anni fa. Quel 13 al Totocalcio incassato oggi gli avrebbe fruttato, con la rivalutazione, una decina di milioni di euro. Probabilmente, le iniziative legali saranno portate ancora avanti dagli eredi.