Covid-19, i pediatri: “La vaccinazione è compatibile con l’allattamento al seno”

La vaccinazione contro il Covid-19 “attualmente va giudicata come compatibile con l’allattamento”. Termina così un articolo pubblicato sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità e inserito nell’ambito delle Faq, le domande più comuni legate al tema dei vaccini contro il nuovo coronavirus. A dare conferma di tale compatibilità, spiega l’Iss, il documento “Covid-19: consenso inter-societario su allattamento e vaccinazione”, firmato dalla Sin, la Società Italiana di Neonatologia, dalla Sip, la Società Italiana di Pediatria, dalla Simp, la Società Italiana di Medicina Perinatale, dalla Sigo, la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, dall’Aogoi, l’Associazione Ostetrici e Ginecologi Ospedalieri Italiani e, infine, dalla, Simit, la Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali. (Pillole di vaccino, dal vaiolo al Covid-19: i video delle puntate) 

Un rischio “estremamente basso”

Covid-19, il vaccino in Italia e nel mondo: DATI E GRAFICI

“La plausibilità biologica suggerisce che, in un bambino allattato al seno, il rischio conseguente alla vaccinazione Covid-19 della madre sia estremamente basso, mentre per contro l’interruzione dell’allattamento porterebbe ad una sicura perdita dei suoi ben documentati benefici”. Questo, invece, l’incipit del documento commentato dagli esperti della Società Italiana di Pediatria, in un articolo pubblicato sul proprio sito internet. “L’allattamento al seno va promosso, protetto e sostenuto in considerazione del positivo impatto su salute materno-infantile, società e ambiente. Ne consegue che la formalizzazione di un’eventuale controindicazione ad allattare deve fondarsi su precise motivazioni medico-sanitarie”, si evince ancora dal documento. Dunque, in base alle considerazioni delle varie società scientifiche, resesi necessarie in virtù del dibattito nato in diversi Paesi europei e alla pronuncia dell’European Medicines Agency (Ema) e dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) sul tema vaccinazione Covid-19 e donne in gravidanza o allattamento, la stessa Sip ha confermato che le donne che stanno allattando al seno il proprio figlio “ non vanno sistematicamente poste nelle condizioni di dover smettere di allattare per potersi vaccinare contro il Covid-19”. Inoltre, hanno spiegato gli esperti, la decisione di un’eventuale somministrazione del vaccino Covid-19 ad una donna che sta allattando, “va presa d’intesa comune da lei e dai professionisti sanitari, tenendo conto delle specifiche condizioni di salute, socio-familiari e lavorative”.

Altre raccomandazioni sul tema

L’Iss, specificando che “non sono disponibili dati specifici sulla sicurezza dei vaccini Covid-19 durante l’allattamento al seno, né sugli effetti dei vaccini a mRNA sul bambino allattato o sulla produzione/secrezione del latte materno”, cita però altre tesi a favore della compatibilità. Come quella dei “Centers for Disease Control (CDC)” statunitensi, secondo cui “le donne che allattano al seno e fanno parte di un gruppo a cui è stato consigliato di ricevere un vaccino Covid-19 possono scegliere di essere vaccinate”. Anche l’American College of Obstetricians and Gynecologists avrebbe raccomandato che i vaccini contro il Covid-19 vengano proposti alle donne che allattano “in base ai gruppi di priorità, visto che le preoccupazioni teoriche riguardanti la sicurezza della vaccinazione non superano i potenziali benefici di ricevere il vaccino”. Secondo i ginecologi americani, dunque, “non è necessario evitare di iniziare o interrompere l’allattamento al seno nelle donne che ricevono un vaccino contro il Covid-19”.

Fonte : Sky Tg24