Andrea Bocelli ospite a Domenica In, rivolta social: “Vergogna, ha negato il Covid”

Redazione 13 dicembre 2020 14:11

Andrea Bocelli ha aperto la puntata di oggi di “Domenica In”, ospite in studio per presentare in anteprima il suo ultimo album dal titolo “Believe”, esibendosi al pianoforte cantando due classici della tradizione natalizia come ‘Amazing Grace’ e ‘Silent Night’.

Ma a giudicare dalla timeline di Twitter la sua apparizione non è stata particolarmente gradita. C’è chi infatti non ha dimenticato la sua partecipazione al convegno “dei negazionisti del Covid” lo scorso luglio in Senato.  

Diversi utenti puntano il dito contro la Rai: “Bocelli, dopo le dichiarazioni negazioniste, nel più importante salotto della domenica del servizio pubblico. Un po’ di vergogna a #domenicain e nella Rai tutta quando?”. “Noto con dispiacere che il negazionista continua ad essere ospitato in televisione”, scrive un utente. “Bocelli il ‘negazionista’. Lo apprezzo come cantante, meno come uomo. Che delusione, lo pensavo diverso”, commenta un’altra. 

bocelli domenica in commenti 3-2

commenti bocelli domenica in 2-2

commenti bocelli domenica in 1-2

bocelli domenica in commenti-2

Bocelli e il convegno dei negazionisti del Covid: le polemiche e la replica

Al convegno Bocelli aveva detto: “Io conosco un sacco di gente, ma non ho mai conosciuto nessuno che fosse andato in terapia intensiva, quindi perché questa gravità? C’è stato un momento in cui mi sono sentito umiliato e offeso per la privazione della libertà di uscire di casa senza aver commesso un crimine e devo confessare pubblicamente di aver disobbedito a questo divieto che non mi sembrava giusto e salutare”. 

Parole che avevano suscitato molte polemiche. Il cantante, che aveva raccontato di aver avuto Covid-19 e di aver donato il plasma una volta guarito, aveva fatto una parziale marcia indietro. “Sono stato frainteso”, aveva risposto dopo le critiche. “Ho fatto un intervento al Senato e in seguito a questo intervento, curiosamente, sono stato definito un negazionista – aveva detto – Che strano, mi sono speso fin dal primo giorno per aiutare chi era in difficoltà in ragione del virus. Con la fondazione che porta il mio nome abbiamo cercato di recuperare subito tutto quello che serviva, poi sono venuto qui nella città un po’ simbolo del contagio per fare una preghiera per tutti e anche per dimostrare che la paura è la sola cosa di cui bisogna avere paura. Deve essere su questo fatto che sono stato un po’ frainteso”.

Fonte : Today