Pollice verde alzato per il primo “negozio vivente” d’Italia

Un mondo in continua evoluzione, quello che stiamo vivendo, sempre più orientato alla sostenibilità e alla tutela ambientale nell’ottica di un miglioramento della qualità della vita delle persone. E se la filosofia green, prima era appannaggio esclusivo dei cosiddetti “pollici verdi” dediti al giardinaggio compulsivo, oggi si sta aprendo ed espandendo in tutti gli ambiti del vivere comune, interessando poco per volta ogni genere e categoria di persone e influendo, anche e soprattutto, sulle politiche di tante aziende, alcune delle quali, sin dall’inizio, hanno deciso di adottare tale filosofia green in modo innato, facendola diventare subito parte integrante della propria mission.

È il caso di Hurba, start-up romana che commercializza scooter elettrici di nuova generazione, modelli innovativi di design, unici nel loro genere, ideali per la mobilità delle nuove generazioni urbane, le stesse che attualmente condividono spontaneamente l’orientamento sostenibile intrapreso dall’azienda. 

1-20-4

Dalla strada alla casa: la sostenibilità entra nella nostra quotidianità

Ebbene, Hurba ha di recente intrapreso anche un’altra strada, anch’essa costellata di innovazione e portata naturalmente alla sostenibilità ambientale: ha creato Idrova, un nuovo brand parallelo, specializzato in piccoli arredi casalinghi green realizzati su misura allo scopo di poter ospitare piante all’interno delle proprie mura domestiche. I diversi modelli progettati sono visionabili all’interno del primo Bioretail italiano dedicato, a Roma in Via Giovanni Giolitti 176, uno showroom considerato un vero e proprio “negozio vivente” perché in grado di offrire ai clienti un’esperienza ecologica a 360°

2-11-17

Lo showroom offre da un lato, un’accoglienza in un ambiente immacolato, essenziale e di design, in cui ci sono le piante, nei loro allestimenti innovativi firmati Idrova, a farla da padrone, con la nota di colore verde che risalta e la capacità di creare un’atmosfera piacevole e rilassante, dall’altro la possibilità di conoscere e apprezzare gli scooter elettrici Hurba e ciò che li rende campioni di mobilità pulita e sostenibile. Ma vediamo quali sono le caratteristiche che rendono questi due ruote tanto innovativi e perfetti per la città:

    • Comodità e sostenibilità: lo scooter elettrico monta una batteria Power Movement con tecnologia agli ioni di litio, la stessa degli smartphone di ultima generazione. È la migliore in commercio ed è leggera, estraibile e trasportabile, grazie alla presa a maniglia. Si ricarica in sole tre ore ovunque sia presente una presa da 220 volt e concede un’autonomia di 50 km (100 km nella versione Hurban Ranger con doppia batteria).
      
    • Un motore potente: 1.200 Watt di potenza permettono allo scooter di raggiungere i 40 km/h in soli 6 secondi. Lo scatto è istantaneo e non ha nulla da invidiare agli scooter tradizionali.
      
    • Stabilità e manovrabilità: caratteristiche utili in una città come Roma dove, tra sanpietrini, buche e asfalto sconnesso, rimanere su due ruote a volte non è affatto facile. Il mezzo è dotato di dispositivi in grado di assorbire fino all’80% di urti e scossoni e di doppi freni a disco per una frenata quasi istantanea. È inoltre stato testato in situazioni di traffico e in tutte le condizioni atmosferiche, con e senza il passeggero a bordo, regalando sempre ottime performance di agilità e stabilità. Unico scooter che offre la retromarcia assistita, Hurba, è anche un esempio di manovrabilità perché facilita il movimento, soprattutto in salita e discesa.
      
    • Sicurezza a prova di ladro: due sono i possibili antifurti da montare su Hurba, dal classico apparecchio elettronico che blocca la ruota e il quadro d’accensione ed emette un allarme acustico, fino al ben più sofisticato sistema di tracciatura genetica, una tecnologia militare che sfrutta le nano-tecnologie per rendere il mezzo unico e inservibile in caso di tentato furto.
      
    • Risparmio e convenienza: la motorizzazione elettrica ha i suoi vantaggi, ovviamente, concedendo a chi guida lo scooter Hurba la possibilità di accedere liberamente e senza pedaggi in tutte le ZTL della Capitale, oltre che poter parcheggiare gratuitamente negli stalli a pagamento blu. Vantaggi che si aggiungono al risparmio di bollo e assicurazione: dal primo si è esentati per i primi 5 anni, mentre per le coperture si possono ottenere sconti anche del 70% a seconda della compagnia scelta. La convenienza si palesa, ovviamente, anche in fase di acquisto del mezzo, potendo usufruire degli eco-incentivi statali, e nel suo utilizzo quotidiano, considerato l’abbattimento dei costi per abbonamenti ai mezzi pubblici e il consumo minimo di energia richiesto per la ricarica della batteria: bastano 10 centesimi per la carica completa e per 50 km non ci si pensa più.

3-14-2

Dagli arredi alla tavola di casa: il futuro sarà sostenibile a 360° 

Insomma, Hurba si merita un bel pollicione verde alzato, per il suo essere una realtà tanto giovane, ma che continua a innovare e a distinguersi in maniera dirompente sul mercato, con uno spirito sempre moderno e sostenibile. E ancor più da apprezzare sono gli sforzi che l’azienda sta facendo per proseguire su questa strada virtuosa: grazie al know how maturato, Hurba e Idrova stanno studiando, infatti, dei meccanismi che consentiranno di produrre acqua pura direttamente dall’aria. Questa innovazione, insieme alle potenzialità dell’energia solare, consentiranno di passare dai piccoli arredi green ad uso casalingo, alla realizzazione di vere e proprie serre industriali al 100% autosufficienti, ideali per la coltura di alimenti biologici.

Insomma, Hurba pensa in grande e agisce di conseguenza. Dalla mobilità urbana alla tavola apparecchiata il passo è breve: ciò che le accomuna è proprio Hurba, con la sua visione di un futuro completamente green, pulito e sano. Un futuro finalmente sostenibile in tutto e per tutti.

Fonte : Roma Today