Diabete, il consiglio dei medici: 30 minuti di sport al giorno

Gli esperti della Società italiana di diabetologia (Sid), dell’Associazione medici diabetologi (Amd) e della Società italiana di scienze motorie e sportive (Sismes) hanno stilato delle nuove linee guida per l’attività fisica dei pazienti

Trenta minuti di attività fisica al giorno, a intensità moderata o superiore, possono portare dei benefici alla salute psico-fisica delle persone con diabete. Lo indicano le nuove linee guida pratiche sulla camminata per i pazienti con diabete di tipo 2, realizzate dalla Società italiana di diabetologia (Sid), dall’Associazione medici diabetologi (Amd) e dalla Società italiana di scienze motorie e sportive (Sismes). Gli esperti invitano i pazienti meno abituati all’attività fisica a iniziare a muoversi gradualmente, per poi inserire in un secondo momento delle sessioni di allenamento ad alta intensità, alternate a dei periodi di recupero. L’attività da privilegiare è la camminata all’aperto perché, rispetto a quella effettuata al chiuso su un tapis roulant, offre un maggior benessere psico-fisico associato all’attività motoria.

I benefici del nordic walking

Diabete 2, i primi segni della malattia sarebbero “visibili” a 8 anni

Tra le attività all’aperto consigliate ai pazienti con diabete di tipo 2 c’è anche il nordic walking con le racchette usate in diagonale, che è stato presentato nel coso del 28esimo Congresso nazionale Sid. Questa forma di camminata, infatti, aumenta il dispendio calorico del 20-25% rispetto a quella ordinaria. Anche i pazienti in sovrappeso o obesi con diabete di tipo 2 possono ottenere dei benefici dalla camminata, evitando però salite o discese con pendenza superiore al 5% e introducendo un periodo di riposo adeguato dopo ogni 15 minuti di esercizio.

Le alternative alla palestra

Francesco Purrello, il presidente della Sid, spiega che spesso i diabetologi si sentono dire dai pazienti frasi come: “Mi piacerebbe iscrivermi in palestra, ma non trovo mai il tempo, ci vado le prime due o tre volte e poi non riesco”. Molte persone con diabete vedono delle difficoltà quasi insormontabili al solo pensiero di dover introdurre

Fonte : Sky Tg24