Star Wars, arriva la conferma: è stato il coronavirus a uccidere David Prowse

Il mondo del cinema è stato profondamente rattristato dalla scomparsa di David Prowse avvenuta lo scorso sabato: l’attore ha lasciato un segno profondo nella storia della settima arte grazie alle sue performance nei panni di Darth Vader, icona di uno dei franchise più popolari di sempre.

Sulle cause della morte dell’attore di Star Wars è stato però mantenuto il silenzio fino a poche ore fa, quando il The Sun ha confermato quello che già si vociferava: ad uccidere l’85enne interprete del padre di Luke Skywalker è stato il coronavirus.

Secondo quanto riportato dal giornale britannico la star è stata ricoverata per circa due settimane prima di perdere la sua sfiancante battaglia con il virus che ha messo in ginocchio il mondo intero. Il nome di Prowse va quindi ad aggiungersi a quelli delle star contagiate dal COVID nel corso di questi ultimi mesi, andando purtroppo a rinfoltire la lista di quelle che non sono riuscite ad avere la meglio sulla malattia.

Prowse lascia dunque un vuoto importante nell’universo di Star Wars, come ricordato anche da George Lucas che con alcune, toccanti parole ha voluto rendere omaggio all’attore scomparso; a poche ore dalla morte di David Prowse, inoltre, è stato ritrovato un casco di Darth Vader rubato dagli studios Bad Robot di Santa Monica.

Fonte : Everyeye