Statua della Madonna decapitata e con le mani mozzata, l’indignazione del sindaco di Venezia

“Un gesto che offende Venezia, la nostra storia e i nostri valori”, così il Sindaco del capoluogo Veneto Luigi Brugnaro ha condannato pubblicamente quanto accaduto nelle scorse ore a Marghera dove un uomo ha preso di mira volutamente una statua della Madonna decapitandola e mozzandole le mani. L’atto vandalico si è consumato durante la notte tra mercoledì 25 e giovedì 26 novembre e ha preso di mira la statua della Madonna di Piazzale Giovannacci a Marghera. La scoperta del fatto è avvenuta solo questa mattina quando i primi passanti si sono accorti della statua senza testa e hanno lanciato l’allarme alle autorità locali.

Le parti staccate della scultura erano state lasciate sul posto dove sono state ritrovate pesantemente danneggiate. Dopo la scoperta del fatto, sono state subito informate le autorità di polizia che, attraverso l’esame dei video delle telecamere di sorveglianza della zona, in poco tempo sono riuscite a individuare il presunto responsabile del gesto.  Gli agenti delle Volanti della Questura lo hanno individuato nella stessa zona, si tratta di un cittadino palestinese di 31 anni regolare sul territorio italiano in quanto titolare di un documento di viaggio per rifugiati rilasciato dal Belgio. Accompagnato in Questura per accertamenti, è stato denunciato a piede libero per il reato di “offese ad una confessione religiosa tramite danneggiamento di cose”.

“La Città condanna con forza questo atto così vile. Una ferma condanna per un atto che mira a ferire la nostra sensibilità” ha dichiarato il sindaco di Venezia, aggiungendo: “Ho subito dato disposizione ai tecnici dei Lavori Pubblici perché la statua sia prontamente riparata e riportata al suo splendore. Ringrazio gli agenti delle Forze dell’Ordine che sono prontamente intervenuti. Grazie al sistema di videosorveglianza, il responsabile del gesto è stato identificato, fermato e messo a disposizione dell’Autorità giudiziaria”.

Fonte : Fanpage