“30×30”, l’iniziativa della onlus Worldrise per salvare i mari italiani

L’associazione ha deciso di lanciare la campagna con l’obiettivo di proteggere il 30% dei mari Italiani entro il 2030, attraverso la sensibilizzazione sull’importanza e i benefici determinati dalla tutela degli ecosistemi marini del Mediterraneo

La onlus Worldrise ha deciso di lanciare l’iniziativa “30×30”, con l’obiettivo di tutelare il 30% dei mari italiani entro il 2030, attraverso una campagna di sensibilizzazione  sull’importanza e i benefici della protezione degli ecosistemi marini del Mediterraneo. Il mare è fondamentale per il nostro pianeta: emette il 50% dell’ossigeno assorbendo circa il 25% dell’anidride carbonica, regola il clima ed è fonte di sostentamento per oltre quattro miliardi di persone.

Una campagna nazionale di respiro internazionale

L’iniziativa di Worldrise non è isolata. Si inserisce in un contesto internazionale più ampio e fa riferimento ad una risoluzione approvata durante il Congresso Mondiale dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) del 2016. Questo documento identifica come necessaria la protezione di almeno il 30% dell’Oceano entro il 2030 per garantirne la funzionalità e produttività. L’Italia, con i suoi quasi ottomila chilometri di costa, ha l’occasione, raggiungendo questo obiettivo, di affermarsi come leader europeo della campagna 30×30.

L’obiettivo finale dell’iniziativa

L’obiettivo finale sarà raggiunto realizzando 30 obiettivi strategici legati alla ricerca, alla sensibilizzazione, al coinvolgimento delle nuove generazioni, all’efficacia di gestione e alla formazione dei futuri custodi del patrimonio naturalistico del Mediterraneo. “Il nostro – ha spiegato Mariasole Bianco, presidente di Worldrise – è sicuramente un obiettivo tanto ambizioso quanto necessario e potremo raggiungerlo solo lavorando insieme. Per questo abbiamo deciso di creare un’alleanza di partner che condividano con noi questo importante percorso verso la creazione di un futuro migliore per il nostro mare”.

L’invito di Worldrise

La onlus, oltre ad aver lanciato la campagna per la tutela dei nostri mari, ha invitato associazioni, aziende, istituzioni pubbliche, ricercatori, cittadini e studenti a unirsi a questa iniziativa, per contribuire attivamente alla realizzazione degli obiettivi. Nel gruppo di chi ha già risposto alla chiamata ci sono AXA Italia, Gucci e North Sails. A queste azienda va aggiunta la collaborazione di diverse associazioni che operano per la salvaguardia dell’ambiente marino e il patrocinio della Commissione Mondiale per le Aree Protette dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura.

Fonte : Sky Tg24