Professioni sanitarie: quali sono le più ricercate e i percorsi di studio e le offerte lavorative

In un momento come questo, con il continuo aumento dei casi di Coronavirus e il conseguente sovraccarico degli ospedali, tutto il Paese è alla ricerca di personale medico per far fronte all’emergenza Covid-19.

E sono proprio le professioni sanitarie che negli ultimi anni, anche ma non solo a causa del Coronavirus, hanno registrato un aumento sia delle richieste di lavoro che delle iscrizioni ai loro corsi di laurea. Vediamo quindi quali sono le professioni sanitarie più ricercate e i percorsi di studio da affrontare per diventare professionisti del settore.

Le professioni sanitarie più richieste

Le professioni sanitarie si suddividono in 4 categorie: 

  • infermieristiche e ostetriche; 
  • della riabilitazione; 
  • tecniche; 
  • della prevenzione.

Secondo i dati di Almalaurea, con riferimento all’anno accademico 2019/20, sono stati 79.143 i candidati che si sono iscritti ai test per le Professioni Sanitarie in Italia. In particolare, i corsi di laurea che hanno registrato il maggior numero di candidati sono:

  • Fisioterapia, con 25.585 domande a fronte di 2.097 posti a disposizione;
  • Infermieristica, con 22.857 domande a fronte di 15.034 posti disponibili;
  • Logopedia, con 6.562 domande a fronte di 771 posti a bando.

Altre professioni sanitarie molto ambite sono poi ostetricia (5.740 domande per 810 posti), il tecnico di radiologia (3.710 domande per 734 posti), il dietista (3.034 domande per 377 posti disponibili), l’igienista dentale (2.428 domande per 671 posti disponibili) e il tecnico di laboratorio (1.845 domande per 770 posti disponibili).

Per quanto riguarda invece le possibilità lavorative, stando ai dati del rapporto “Il lavoro dopo gli studi”di Unioncamere, le professioni sanitarie più richieste dal mondo del lavoro sono l’infermiere e il fisioterapista. 

Vedi tutte le offerte di lavoro

I percorsi di studio

A causa della loro particolarità e del loro carattere di servizio sociale, le professioni sanitarie sono regolate e controllate dal Ministero della Salute.
Per accedere a queste professioni è necessario ottenere una laurea, in alcuni casi solamente triennale, in altri obbligatoriamente magistrale e a ciclo unico, oppure un corso professionale, come nel caso dell’Operatore Socio Sanitario (OSS). Inoltre, tutti i corsi sono a numero chiuso, quindi con un test di accesso da superare, e per poter esercitare è richiesto anche il superamento di un esame di Stato per l’abilitazione alla professione. Vediamo ora nello specifico i percorsi di studio da affrontare per intraprendere le professioni sanitarie più richieste.

Infermieristica

L’infermiere, è il professionista sanitario responsabile della pianificazione e gestione dell’assistenza infermieristica, ossia, l’attività terapeutica, palliativa, riabilitativa, educativa e preventiva rivolta all’individuo, alla comunità o alla popolazione. Può lavorare in strutture ospedaliere, case di cura pubbliche e private o domicili, e per diventare infermiere è necessario conseguire la laurea in Infermieristica e superare l’esame di Stato, così da ottenere l’iscrizione all’ordine professionale.
Inoltre, è disponibile anche il corso d’infermieristica pediatrica, mirato all’assistenza sanitaria per bambini e preadolescenti e che prevede anche un aspetto educativo.

Ostetricia

Ostetricia è quel corso di laurea triennale che forma gli operatori nell’assistenza alla donna durante gravidanza, parto e ripresa psicofisica. L’ostetrica segue la paziente durante tutte le fasi, presta assistenza al neonato, si occupa della preparazione degli interventi ginecologici, partecipa a percorsi d’educazione sanitaria, ai corsi pre-parto e molto altro.
L’ostetrica può lavorare in strutture sanitarie private o pubbliche o svolgere la libera professione. Inoltre, al termine del percorso di studi triennale è necessario iscriversi all’albo professionale, anche qualora si voglia proseguire con master di primo o secondo livello o laurea specialistica. 

Fisioterapia

Il fisioterapista è un operatore sanitario che svolge, in via autonoma o in collaborazione con altre figure sanitarie, gli interventi di prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricità, delle funzioni corticali superiori e di quelle viscerali. Per diventare fisioterapista è necessario frequentare un corso di laurea triennale organizzato dalla facoltà di Medicina e Chirurgia, la cui prova finale ha anche valore di esame di stato abilitante all’esercizio professionale: in altre parole, per diventare fisioterapista è sufficiente conseguire la laurea.

Operatore Socio Sanitario

L’Operatore Socio Sanitario (OSS) è una figura di supporto assistenziale che, da un lato, rappresenta un punto di riferimento per i pazienti e, dall’altro, un valido supporto per l’infermiere e per l’intera équipe. Per diventare Operatore Socio Sanitario è necessario frequentare un corso professionale riconosciuto e certificato dalla Regione e/o dalla Provincia autonoma di riferimento della durata di 1000 ore, di cui 450 ore di teoria, 100 ore di esercitazioni e 450 di tirocinio o stage; con il superamento dell’esame finale si ottiene l’attestato di qualifica valido su tutto il territorio nazionale. Inoltre, l’OSS può svolgere la sua attività sia nel settore sociale che in quello sanitario, in servizi di tipo socio-assistenziali e socio-sanitari, nelle Rsa o nelle case di cura, in ambiente ospedaliero e al domicilio degli utenti, lavorando in stretta collaborazione con gli altri membri dell’équipe preposti all’assistenza sanitaria e a quella sociale. 

Assistenza sanitaria

L’assistente sanitario, secondo l’ordinamento italiano, è un operatore sanitario addetto alla prevenzione, alla promozione e all’educazione della salute della comunità e del singolo individuo. L’attività dell’assistente sanitario è regolata dal d.m. 69/1997 del Ministero della Salute e può essere svolta in strutture private e pubbliche; inoltre, per svolgere questa professione è necessario conseguire la laurea triennale in Assistenza sanitaria, in cui la prova finale ha valore di esame di stato abilitante all’esercizio professionale.

Fonte : Today