La Campania cercava 450 medici: hanno risposto in 156 ma solo 27 potranno entrare in servizio

Redazione 24 novembre 2020 18:49

Non è positivo il bilancio del bando della Protezione civile per medici da inviare in Campania. Da mesi la Regione aveva richiesto l’invio di almeno 600 medici per tamponare i posti vancanti nei reparti, in particolare di anestesisti ma anche di 800 infermieri.  La scorsa settimana si era aperta e chiusa la call di emergenza per trovare 450 medici per la gestione dell’emergenza Covid: risultato alla protezione civile erano arrivate poco meno di 160 manifestazioni di interesse. Quello che sembrava già un insuccesso ora tuttavia è diventato un fragoroso e pericoloso flop.

Le 156 manifestazioni di interesse infatti per la stragrande maggioranza non si sono concretizzate. Ci sono state 97 rinunce e sette esclusioni per mancanza di requisiti. Secondo quanto rende noto la Regione Campania altre 25 domande sono in attesa di riscontro perché vi sarebbero nomi, numeri di telefono o indirizzi mail errati. Ad oggi solo 27 medici – tra cui tre anestesisti, pochissimi rispetto alle necessità – sono entrati in servizio.

Due medici su tre rinunciano ad andare in Campania

Probabilmente, l’elemento che non incoraggia ad accettare riguarda la precarietà del posto di lavoro correlata alla pericolosità di contrarre il contagio da Covid-19 durante l’orario di lavoro. Come si legge nel bando infatti gli incarichi avevano un orizzonte temporale non superiore al 31 gennaio 2021 prorogabile solo “in ragione del perdurare dell’esigenza e dello stato di emergenza” e “nei limiti delle risorse disponibili”. 

Fonte : Today