Sahara e lo scandalo sul bilancio del film, fra tangenti e manodopera a basso costo

Sahara non fu esattamente quello che si dice un successo: il film con Matthew McConaughey e Penelope Cruz riuscì infatti a recuperare appena la metà di quei costi di produzione che, ironia del destino, finirono al centro di un piccolo scandalo qualche tempo dopo l’uscita in sala.

Nel 2007, infatti, l’intero bilancio di Sahara (un malloppo di ben 151 pagine) fu oggetto di un leak ed inviato al Los Angeles Time, che ne diffuse il contenuto mettendo in evidenza alcune voci che, inevitabilmente, fecero storcere qualche naso.

Nel conto spese del film trovano infatti spazio cifre decisamente ingenti e indicazioni piuttosto contraddittorie: fa un certo effetto, ad esempio, pensare che più di 250.000 dollari siano stati spesi per l’hairstylist e l’insegnante di lingua di Penelope Cruz mentre, sull’altro fronte, la produzione abbia tirato la cinghia sfruttando la manodopera a basso costo disponibile in Marocco.

Ma c’è di più: alcune voci messe a bilancio parlavano infatti espressamente di tangenti versate a degli ufficiali marocchini, in netta violazione del Foreign Corrupt Practices Act. Insomma, non proprio una bella figura per la produzione del film! I due protagonisti, comunque, si sono messi da tempo alle spalle l’insuccesso e le polemiche di Sahara: prossimamente Penelope Cruz tornerà a recitare per Pedro Almodovar; vediamo, invece, quali sono le performance più sottovalutate di Matthew McConaughey.

Fonte : Everyeye