Bambino Gesù: anche Todis sostiene la campagna ‘Abbraccia la ricerca’ sulle conseguenze del Covid 19 sui bambini

Continua la campagna sociale della Fondazione Bambino Gesù di Roma dedicata alla Ricerca Scientifica correlata alle possibili conseguenze del nuovo Coronavirus sui neonati e sui bambini, che oggi si arricchisce della cooperazioen di Todis, operante nella grande distribuzione organizzata di prossimità.
 
Come si legge in una nota diramata dala Fondazione e da Todis, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, in Italia, il numero di casi di Covid 19 nella fascia di età 0-19 anni è il 12,2% del totale, cioè quasi 120.000 minori. Inoltre secondo i dati del Ministero della Salute, i bambini e giovani sotto i 20 anni, oltre a essere molto spesso asintomatici, hanno una suscettibilità all’infezione pari a circa la metà rispetto a chi ha più di 20 anni.  
 
All’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, da febbraio a novembre 2020, sono stati ricoverati circa 200 minori con Covid 19. Nella sede di Palidoro è stato messo a disposizione un intero reparto destinato alla cura dei casi confermati. Da inizio ottobre l’Ospedale ha inoltre attivato 2 walk in pediatrici per i tamponi ai bambini da 0 a 16 anni dove sono stati effettuati quasi 5.000 tamponi, il 5,3% dei quali risultati positivi. In totale, da gennaio a oggi, sono stati realizzati circa 33.500 tamponi tra bambini e i loro genitori, il 2,4% dei quali risultati positivi.

Come riporta una nota diramata dalla fondazione, sul fronte della ricerca, il Bambino Gesù è riuscito a scoprire finora il meccanismo che scatena una grave risposta infiammatoria che a volte purtroppo colpisce i bambini con Covid 19. Ha inoltre condotto uno studio sulla propagazione del virus nell’aria negli ambienti chiusi. 
 
Anche se l’epidemia ha colpito in maniera piuttosto limitata neonati, bambini e adolescenti, non sì è ancora potuto valutare il reale impatto della malattia sui piccoli pazienti: la nuova campagna sociale “Abbraccia la Ricerca” di cui Todis è sostenitore, intende evidenziare quanto sia importante e urgente la necessità di risposte immediate per poter somministrare terapie sempre più personalizzate e tempestive ai piccoli che si rivolgono all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. 

“Ringrazio il Gruppo Todis per aver voluto rinnovare l’impegno al fianco della Fondazione Bambino Gesù. Una collaborazione concreta, che prosegue ormai da oltre due anni, e che ha consentito di garantire assistenza a tanti bambini bisognosi di cure e alle loro famiglie. Un impegno che quest’anno si rafforza a vantaggio della nuova campagna sociale “Abbraccia la Ricerca”, ha affermato Francesco Avallone, Segretario Generale Fondazione Bambino Gesù Onlus. 
 
In particolare, “Abbraccia La Ricerca” promuove progetti specifici e di implementazione di tecnologie e apparecchiature mediche essenziali per meglio comprendere il decorso del COVID 19 su neonati e bambini, con attenzione agli studi osservazionali e alle ricerche sulle immunopatologie che coinvolgono prevalentemente l’apparato cardiovascolare, respiratorio e gastrointestinale dei piccoli pazienti.  La campagna sociale sarà accompagnata da un video realizzato dalla Fondazione Bambino Gesù trasmesso sulle principali reti televisive italiane, a partire dal 6 dicembre: un ulteriore strumento per sensibilizzare la popolazione a donare per la ricerca. 

“Rinnoviamo con orgoglio il nostro supporto alla Fondazione Bambino Gesù Onlus per la campagna sociale “Abbraccia la Ricerca”, in questo momento storico in cui la pandemia ha dimostrato ulteriormente il ruolo fondamentale della scienza e della ricerca in particolare   per il nostro futuro e quello dei nostri figli“,  ha dichiarato Massimo Lucentini, Direttore Generale di Todis. “In qualità di operatori leader nel mondo della GDO, siamo consapevoli di rivestire, in questo momento critico, un ruolo di responsabilità ancora più importante per il contributo che possiamo fornire a favore dello sviluppo e del benessere delle comunità in cui operiamo. Certi che ognuno debba fare la sua parte nella promozione della cultura della solidarietà, cultura che rappresenta da sempre il nostro modo di essere e di fare impresa”.

Fonte : Roma Today