Roma resta a casa: così la Capitale dichiara guerra agli assembramenti e diventa off limits

Transenne e accessi contingentati nelle principali strade dello shopping di Roma come via del Corso e via Cola di Rienzo. Pattuglie delle forze dell’ordine anti assembramento nei parchi e sul litorale di Ostia, anche qui con possibili varchi di accesso mobili a secondo dell’afflusso di gente. 

Poi due stazioni della metro chiuse nel weekend e, domenica 15 novembre, il blocco del traffico. Il tutto mentre resteranno chiusi anche maxi store commerciali e mercati, oltre i centri commerciali come da ultimo Dpcm. Sarà un fine settimana particolare quello nella Capitale dove il messaggio resta chiaro: non bisogna abbassare la guardia nella battaglia contro il Coronavirus.

I varchi nelle vie dello shopping di Roma

Il Questore di Roma Carmine Esposito ha raccolto il messaggio emerso nel Comitato provinciale ordine e sicurezza di ieri e ha raccolto in un’ordinanza quelle che saranno le linee guida per sabato 14 e domenica 15 novembre. 

Secondo quanto confermato le fermate metro di piazza di Spagna e Flaminio saranno chiuse dalle 10 fino alle 20, una decisione che sarà “funzionale” al dispositivo previsto per il contingentamento delle presenze sulle vie dello shopping.

I “check point” principali per evitare gli assembramenti a Roma saranno in piazza del Popolo, piazza di Spagna, Largo Goldoni e Largo Chigi. Qui, qualora si superasse la ‘soglia di saturazione’, le persone verranno distribuite in maniera omogenea nelle vie adiacenti.

I punti verranno presidiati in maniera particolare dalla polizia locale e dalla protezione civile che gestiranno in modo ‘dinamico’ il flusso delle persone. Anche perché verranno sorvegliati attraverso “moduli dinamici” pure via Cola di Rienzo, via Candia, via Ottaivano e viale Giulio Cesare dove le metro non chiuderanno ma, in caso di assembramento, verranno dichiarate momentaneamente off limits alcune parti delle strade creando delle aree pedonali per decongestionare l’affollamento.

Fari puntati anche su viale Libia, via dei Condotti, via di Ripetta, via del Babuino, piazza Venezia e Ponte Sant’Angelo. Insomma le aree dove ci sono i negozi sì, ma anche i luoghi delle passeggiate.

Le possibili transenne al centro di Roma e Ostia

Le forze dell’ordine monitoreranno anche la zona del Colosseo, Fontana di Trevi e altri posti storici. Come verranno controllate queste aree? Quando dall’elicottero della polizia di Stato o dalle telecamere della sala operativa delle Questura verrà segnalata una saturazione di una zona i varchi indirizzeranno le persone sulle vie adiacenti tramite transenne volte al controllo degli ingressi, proprio allo scopo di evitare che si ripropongano situazioni di assembramento come accaduto nello scorso weekend.

Al momento, secondo quanto trapela, non sarebbero state prese decisioni su una possibile chiusura degli accessi alle spiagge ma anche Ostia sarà monitorata con cura. I controlli maggiori saranno al Pontile, al cosiddetto Curvone, in pineta e sul Lungomare, dal Porto fino alla Rotonda. Anche qui le pattuglie, se necessario, useranno transenne per indirizzare l’afflusso di persone.

Megafoni per ricordare le norme anti Covid 

Agenti a cavallo e in bicicletta, invece, sorveglieranno parchi, villa Borghese, Villa Ada e Villa Pamphilij per controllare i corretti dispositivi anti Covid. Non solo: in caso di eccessiva concentrazione delle persone sulle principali vie dello shopping le forze dell’ordine ricorderanno i divieti anche tramite megafoni. Dalle auto della polizia locale verranno infatti diffusi messaggi pre registrati per ricordare le misure come il corretto utilizzao della mascherina e la distanza di sicurezza.  

Il blocco del traffico domenica 15 novembre

Stop alla circolazione domenica 15 novembre

Domenica a Roma è previsto inoltre, anche il blocco della circolazione dalle 7.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20,30 e sarà in parte chiusa al traffico via Appia Antica. Tra Porta San Sebastiano e la chiesa Domine Quo Vadis sarà consentito solo il transito pedonale e ciclabile. Tra la stessa chiesa e via della Caffarella parte della carreggiata, anche qui con le transenne, sarà dedicata a pedoni e ciclisti. Sul resto della carreggiata potranno circolare i veicoli autorizzati ossia appartenenti alle categorie per le quali è prevista la deroga.

Il transito dei veicoli sarà consentito anche tra via della Caffarella e via Appia Pignatelli mentre tra via Appia Pignatelli e via della Basilica e tra via della Basilica e via di San Sebastiano parte della carreggiata sarà dedicata a chi andrà a piedi o in bicicletta. Interamente chiuso ai veicoli a motore e dedicato a ciclisti e pedoni, infine, il tratto da via di San Sebastiano a via Cecilia Metella. Qui il Covid non c’entra, ma la Domenica Ecologica potrebbe essere un dissuasore per chi aveva in mente di usare l’auto e raggiungere Roma. 

Cosa si può fare e cosa no dopo il dpcm

Nei week end chiusi mercati e grandi negozi come Ikea, Decathlon e simili

In questo fine settimana, però, non ci sono limitazioni al traffico o transenne. La Regione Lazio ha infatti redatto e pubblicato una nuova ordinanza contro l’aumento dei contagi da Covid-19 che ha efficacia fino al 30 novembre. 

“Nei giorni festivi e prefestivi sono chiuse le grandi strutture di vendita”, ovvero quelle superiori ai 2.500 metri quadri, “indipendentemente dalla tipologia di attivita’ svolta, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, le farmacie, parafarmacie, tabaccherie ed edicole”.

Oltre ai centri commerciali, dunque, nei weekend chiudono anche i grandi negozi con una superficie oltre i 2.500 e i mercati, salvo le attività alimentari presenti all’interno. Le altre attività commerciali, quelle non soggette alle restrizioni dettate da questa ordinanza e dai Dpcm, dovranno garantire le corrette norme anti contagio. 

Fonte : Roma Today