​Elisa Petra, suora che in motocicletta va ad assistere le partorienti di Tanjung (FOTO)

Ketapang (AsiaNews) – La diocesi di Ketapang nella provincia del Kalimantan occidentale, è poco conosciuta anche per la maggior parte degli indonesiani che non hanno idea di dove si trovi questa diocesi e del suo profilo. Il territorio della diocesi di Ketapang è infatti molto più vasto della provincia di Giava centrale o orientale.

Questa è la storia di Elisa Petra, una suora ostetrica agostiniana che ha lavorato nella remota area di Tanjung, a 5-6 ore di viaggio dal centro di Ketapang.

Per otto anni è stata in missione professionale e spirituale, incaricata dalla sua Sister Congregation nel servizio sanitario. Il servizio sanitario è stato avviato dalle suore missionarie agostiniane olandesi nel 1955.

Questa è la “conversazione” a lunga distanza con questa suora agostiniana giavanese – dopo un incontro improvvisato a Ketapang e in altri luoghi – che si è unita volontariamente alla Sister Congregation OSA con sede a Ketapang del Kalimantan occidentale, semplicemente perché “La mia coscienza è stata improvvisamente alimentata dalla passione di servire la Chiesa e gli altri mentre i miei occhi sono stati catturati da un’immagine molto toccante di una suora saldamente in piedi con altre suore in una piccola barca di legno”.

Ecco perché Elisa si è unita a OSA a Ketapang piuttosto che ad altre congregazioni religiose di suore con sede a Java.

“Dato che voglio anche elaborare il mio cammino spirituale, questo tipo di servizio nelle aree remote della provincia del Kalimantan occidentale potrebbe essere la scelta giusta per il mio percorso per servire gli altri”.

Ecco la storia completa di suor Elisa Petra, una suora giavanese che è entrata a far parte della congregazione di suore OSA a Ketapang i cui membri di maggioranza sono Dayaks, completamente diversi in termini di valori sociali e “abitudini” quotidiane rispetto alla sua cultura giavanese.

Esperienza in una zona remota

Questa nuova esperienza è avvenuta al “Mutiara” BP-BKIA (Medical Center for Maternal and Child Health) a Tanjung. Circa 5-6 ore di viaggio dalla città di Ketapang nella provincia del Kalimantan occidentale.

Quel pomeriggio, una coppia inattesa, accompagnata da alcuni parenti ha visitato la clinica per incontrare suor Elisa per un consulto di maternità. “Chiedendomi consiglio come ostetrica alla clinica Mutiara BP-BKIA a Tanjung, per sapere se la madre dovesse partorire a Tanjung oa Ketapang”, ha detto suor Elisa Petra, OSA, 40 anni.

Sulla base dei suoi esami, racconta la suora, la madre avrebbe partorito da un momento all’altro due gemelli. Naturalmente, era impossibile portare la madre a viaggiare per 5-6 ore a Ketapang in sicurezza, con una strada accidentata. “Grazie a Dio, nella nostra clinica, la signora S. ha partorito con due gemelli maschi in modo sicuro. Anche i bambini stavano bene e in buona salute”, ha detto la suora ricordando gli eventi speciali che hanno veramente “messo alla prova” la sua esperienza di ostetrica in aree remote.

Tanjung è un piccolo villaggio.

“Ho reso grazie prima come ostetrica e poi come suora agostiniana, in quel momento, perché le cose sorprendentemente sono andate molto bene e il parto è stato un grande successo”, ricorda suor Elisa Petra OSA.

L’idea di essere ostetrica e suora agostiniana in una zona remota di Tanjung non aveva mai occupato la sua mente fino a quando un giorno la sua coscienza è stata improvvisamente “bloccata” emotivamente da una “pubblicità” fotografica trovata in un calendario cattolico. Quella foto (vedi foto) che ha attirato l’attenzione di Novi Narmasari, il suo nome da ragazza prima di unirsi alla congregazione OSA. “Quella foto impressionante mi ha toccato il cuore. Mostra suor Agneta Tan Nailoy, OSA, che ora ha 75 anni, figlia del signor Tan A Hak, un missionario laico cattolico della Cina continentale che nel 1911 portò il cristianesimo a Ketapang. La foto mostrava il viaggio di suor Agneta con altre tre suore da Menyumbung verso un’altra clinica sanitaria all’interno della loro area di servizio”, la suora ricorda la sua chiamata iniziale a diventare suora.

Menyumbung è molto lontano da Ketapang, circa 6-7 ore di viaggio in auto e talvolta può essere raggiunto solo in barca.

“L’immagine della foto mi ha improvvisamente indicato che un giorno in futuro avrei potuto anche essere in grado di creare ‘altre storie’ della mia avventura di fede con Dio. Ed è per questo che divenni una suora agostiniana – invece di unirmi a un’altra congregazione religiosa a Giava – ma nella remota Ketapang in modo da poter sperimentare una cosa così speciale”, ha spiegato la suora, nativa di Muntilan a Giava centrale.

Muntilan è stata ampiamente considerata la “Nazareth di Giava” a causa dell’influenza nazionale del carismatico educatore gesuita padre van Lith, che ha aperto la strada alla missione cattolica a Giava centrale. Il 14 dicembre 1904, infatti, il sacerdote missionario ha battezzato 171 abitanti dei villaggi della regione di Kalibawang a Sendangsono, Kulon Progo. Questo evento è considerato come la nascita della Chiesa cattolica tra i giavanesi.

Il luogo del battesimo è diventato la meta di pellegrini più popolare di Giava, conosciuta come Sendangsono.

La scelta del Kalimantan occidentale

Questa è davvero una cosa “strana”. Narmasari è una giovane donna giavanese che ha scelto intenzionalmente una congregazione di suore religiose con sede fuori Giava piuttosto che nel suo territorio. Ma questo è ciò che Novi Narmasari quando è entrata a far parte della Congregazione OSA con sede a Ketapang nel Kalimantan occidentale piuttosto che di congregazioni religiose le cui opere pastorali nel servizio sanitario sono numerose anche a Giava.

“Sono entrato in OSA quando avevo già 21 anni, molto più vecchia delle altre del gruppo che sono solo diplomate delle scuole superiori. Dopo tre anni di esperienza lavorativa pratica, sono entrato nell’OSA con il consenso dei miei genitori”, racconta la figlia maggiore di Julius Waluya e della defunta Maria Goretti Winarsih.

“Dopo la mia prima professione nel 2005, la Congregazione delle Suore di Sant’Agostino della Misericordia di Dio (OSA) mi ha subito chiesto di diventare un’ostetrica sulla base della mia qualità ed esperienza personale”.

Il suo orario di lavoro quotidiano si svolgeva nella “Mutiara” BP-BKIA a Tanjung.

Ma come ostetrica, faceva spesso viaggi improvvisati e visite frequenti in aree remote in quanto non si poteva andare a partorire a Tanjung a causa della lontananza e della mancanza di strade di accesso alla “città”.

A volte andava con la sua motocicletta per raggiungere destinazioni remote per una causa “celeste”. A volte, ha detto, aveva dubbi sulla sua capacità di svolgere questo servizio. Ma la sua coscienza morale ha reso le cose più chiare. È più di una semplice chiamata professionale “obbligatoria”. “Ma questa è una missione spirituale poiché mi occupo della vita umana sia della madre che del suo bambino”, ha detto la suora che ha pronunciato i suoi voti perpetui nel 2011.

Dal 2012, man mano che si abitua alla sua missione di ostetrica in una zona remota, gradualmente ama questi atti di amore e compassione. “Con tutti i miei limiti e le mie conoscenze personali, ho sempre il desiderio di mantenere la fiamma spirituale accesa nel mio cuore come suora agostiniana. Fare ciò che è meglio per Dio e per il bene degli altri”, conclude.

È all’interno di questo spirito che considera il suo viaggio bisettimanale obbligatorio a Tanjung-Ketapang non più un “fardello” ma una missione da compiere con magnanimità.

“Ogni volta che viene alla casa madre OSA a Ketapang, appare molto sporca e molto stanca per il suo viaggio con la sua moto. Dopo giorni di riposo e socializzazione con le consorelle, tornerà a Tanjung con molte medicine nelle borse della sua motocicletta”, spiega suor Sesilia OSA, una suora anziana che è stata scelta per anni come formatrice delle novizie.

Suor Elisa fa questa routine ormai da quasi 8 anni. Da sola con la sua moto, percorre strade fangose ​​e scivolose durante la stagione delle piogge e strade molto polverose durante la stagione calda.

Rispondendo alla domanda sul motivo per cui non usa un servizio per viaggiare da Tanjung a Ketapang e viceversa, suor Elisa Petra OSA ha detto con fermezza un grande No. “Non voglio appesantire nessuno. Non voglio dipendere sempre dagli altri. I miei genitori mi hanno insegnato a essere indipendente. Finché posso farlo da solo, allora va bene andare in motocicletta”. “Un altro motivo fondamentale – aggiunge – è ridurre le spese di viaggio. Perché fare un viaggio di andata e ritorno da Tanjung-Ketapang una volta ogni due settimane è molto costoso”.

Con la pandemia di Covid-19, il tuo servizio sanitario deve essere interrotto?

“Oh no” risponde subito. “Continuiamo come al solito. Solo il protocollo sanitario è rigorosamente applicato”, aggiunge.

Finché ci sono ancora donne incinte che hanno bisogno del suo aiuto, il suo lavoro come ostetrica nella remota area della diocesi di Ketapang continuerà a esistere. Il Covid-19 crea più problemi al parto, specialmente nella zona remota come il villaggio di Tanjung.

 Serve quindi la presenza di suor Ellisa Petra OSA

Photo credit: Photo files by Sr. Elisa Petra OSA

Fonte : Asia