Il geco tatuato sul polso di Maria Laura Pellizzari, vicecapo della polizia

Redazione 10 novembre 2020 08:36

Nei giorni scorsi abbiamo parlato della nomina di Maria Luisa Pellizzari a vicecapo della polizia: si tratta della prima donna in assoluto a ricoprire questo ruolo. Oggi il Fatto Quotidiano racconta un dettaglio curioso su di lei: la prefetta ha un sinuoso geco tatuato sul polso sinistro. E la circostanza non può che far tornare alla mente la storia di Arianna Virgolino, che invece è stata sospesa dal corpo per il quale prestava servizio, nel comando Polstrada di Guardamiglio (Lodi), per un tatuaggio, un cuore sul polso che si era tatuata a 18 anni, rimosso con il laser già durante le selezioni. La giovane poliziotta, esclusa per “demeriti estetici” da una sentenza del Consiglio di Stato, depositata il 7 novembre 2019. “Di sicuro quella grandissima donna e ottima poliziotta ci darà una mano”, dice oggi la poliziotta al Fatto: 

“La sua nomina è il segnale che qualcosa sta cambiando, perché dimostra come un tatuaggio, in sé, non faccia un poliziotto buono o un poliziotto cattivo”. La speranza dell’ex agente – la quale è stata sospesa un anno esatto prima della nomina di Pellizzari – è che la norma che vieta l’accesso ai ranghi della Polizia di persone con un tatuaggio visibile, sia cancellata.

Un blocco che ha tagliato le gambe a decine di aspiranti poliziotti e che è stato oggetto di ricorsi a Tar e Consiglio di Stato, che ha deciso con una giurisprudenza ondivaga, a volte accogliendo, a volte bocciando, come raccontato dal Fatto.

Ma, al di là delle sentenze, per Virgolino è proprio la norma a dover essere messa in discussione: “È una norma arcaica, come dimostra la carriera eccezionale della nostra vice capa. Se come è scritto nella mia sentenza, il mio polso con una cicatrice recherebbe “grave nocumento al corpo”, mi chiedo quanti agenti tatuati vi siano oggi in servizio che insultano la divisa”.

L’ipotesi lockdown totale e la data decisiva del 15 novembre

Fonte : Today