Coronavirus, la produzione del vaccino Astrazeneca parte in Australia

Se sarà approvato, riferisce il Sydney Morning Herald, 30 milioni di dosi saranno pronte nella prima metà del 2021

L’azienda australiana Commonwealth Serum Laboratories (Csl) ha avviato la produzione a Melbourne di milioni di dosi del vaccino Oxford-Astrazeneca, uno dei più promettenti tra quelli contro il coronavirus che sono giunti in fase avanzata, nella speranza che si dimostri sicuro ed efficace così da poter essere distribuito rapidamente. La notizia è riportata dal Sydney Morning Herald, che annuncia anche che le prime dosi potrebbero arrivare  entro la prima metà del 2021. Al momento si tratta di previsioni, legate ai risultati delle sperimentazioni cliniche di fase tre.

Produzione in anticipo

Vaccino Oxford, l’Italia parte con i test di fase 3

Sempre dal quotidiano australiano si apprende che la Commonwealth Serum Laboratories ha contratti separati con Astrazeneca-Università di Oxford e con il governo del Paese, per produrre circa 30 milioni di dosi di questo vaccino che deve essere ancora approvato dalla Therapeutic Goods Administration per il suo uso in Australia. “Avviamo la produzione in anticipo, e se le sperimentazioni cliniche saranno positive, con i risultati su cui noi contiamo, il vaccino sarà disponibile per essere distribuito alla popolazione” ha detto il direttore scientifico della Csl, Andrew Nash, al Sydney Morning Herald.

Scongelate le prime fiale

I risultati delle sperimentazioni cliniche di fase tre sono attesi per la fine dell’anno. Se saranno favorevoli e il vaccino contro il coronavirus soddisferà tutti i requisiti, le prime dosi potrebbero essere disponibili nella prima metà dal nuovo anno. Le prime fiale da un millilitro del vaccino sono state scongelate oggi, dopo essere conservate in azoto liquido per preservarne l’integrità. La cura anti Covid di Oxford e Astrazeneca è una delle più promettenti a livello globale, tra più di 150 candidati vaccini in diversi paesi del mondo. La maggior parte di loro infatti si trova in fasi pre-cliniche, cioè ancora in fase di test su animali o in laboratorio. Sono più o meno 40 quelli ad aver raggiunto la fase di sperimentazioni sull’uomo.

Fonte : Sky Tg24