In Toscana, vini e architetture d’autore

Un percorso fra vino e grandi architetture contemporanee unico in Italia, è quello che collega fra loro  – grazie al progetto “Toscana.Wine Architecture” – 14 importanti cantine toscane, la regione italiana in cui, sin dalla prima metà degli anni ’90, si è maggiormente concentrata la realizzazione di cantine griffate da grandi architetti italiani e stranieri, quali Mario Botta, Renzo Piano, Piero Sartogo, Tobia Scarpa, tanto per citarne solo alcuni. Si tratta di edifici di altissima qualità architettonica, a cui sono associate tecnologie innovative di costruzione e produzione. Ben integrate con il panorama, a volte mimetizzate attraverso sistemi di verde che ne riducono l’impatto visivo, altre volte orgogliosamente protese nel paesaggio, sono espressione di scelte progettuali attente anche alla riduzione dei consumi energetici e a soluzioni di bioarchitettura. 

Le magnifiche 14 – Queste le cantine griffate. In provincia di Firenze: Antinori a San Casciano Val di Pesa; in provincia di Grosseto: Rocca di Frassinello a Gavorrano, Le Mortelle a Castiglione della Pescaia, Colle Massari a Cinigiano, Tenuta dell’Ammiraglia a Magliano; in provincia di Siena: Fonterutoli a Castellina in Chianti, Cantina di Montalcino a Montalcino, Salcheto; in provincia di Livorno: Petra di Suvereto, Argentiera e Fattoria delle Ripalte a Capolivieri; in provincia di Arezzo: Pomaio a Pomaio, Il Borro a Loro Ciufenna; in provincia di Pisa: Caiarossa a Riparbella. 

Visite e degustazioni – All’attrazione dell’architettura si coniuga, ovviamente, quella del vino, grazie al quale la Toscana è fra le mete più amate in assoluto da enoturisti italiani e stranieri. Aperte ai turisti per visite e degustazioni, le cantine del circuito hanno in molti casi al loro interno agriturismo, ristorazione, alloggi e spazi per esposizioni ed eventi. In tutte si possono acquistare vini e fare degustazioni guidate. In alcune è obbligatoria la prenotazione. Orari e informazioni si trovano sui rispettivi siti. 

Per informazioni: www.winearchitecture.it

Fonte : TgCom