La Lancia Delta Integrale fatta di Lego è bellissima

Ha tre motori elettrici, 2584 mattoncini e ruote sterzanti. E ha richiesto 15 mesi di progettazione

Lancia Delta HF Integrale

La Lancia Delta Integrale è indubbiamente il modello più iconico della casa italiana. Stiamo parlando della versione con quattro ruote motrici della Lancia Delta, disegnata nel 1979 dalla Matita di Giorgetto Giugiaro. Si tratta di un modello che ha fatto incetta di successi nel mondiale di Rally, vincendo, dal 1987 al 1992, ben sei campionati di fila.

Immediatamente riconoscibile per le linee pulite e squadrate e per i rigonfiamenti sul cofano e in corrispondenza dei passaruota anteriori e posteriori, nel 1989 la Lancia fece scendere in pista una versione rinnovata, denominata Delta HF Integrale 16v, la quale si distingue per alcune migliorie tecniche (200 CV di potenza per la versione stradale e 390 per quella da Rally), che, oltre che sul motore, hanno interessato anche l’impianto frenante e l’assetto.

Ed è proprio a questa che si è ispirato Lumik, utente appassionato di Lego che ha presentato il progetto della sua Delta HF Integrale 16v su Lego Ideas (il canale ufficiale attraverso il quale gli utenti possono presentare dei progetti originali), dove ha già raccolto oltre 3500 supporters. Affinché possa essere preso in considerazione dall’azienda occorrono 10mila consensi, ma, considerato che mancano ancora 475 giorni alla fine della campagna, è sulla buona strada.

Lancia-Delta-HF-Integrale-Lego: la trequarti anteriore

Per concludere il progetto, che è partito da un bozzetto su un foglio di carta bianco, ci sono voluti ben 15 mesi e per realizzarlo sono stati utilizzati sia pezzi di Lego Technic (impiegati per il telaio) sia i mattoncini tradizionali (utilizzati per la carrozzeria) per un totale di 2584 unità. L’obiettivo dell’utente era quello di creare un modello da esposizione, con una carrozzeria ben proporzionata e realistica, caratterizzata dalla livrea Martini, ma anche funzionante.

Per realizzarla è stato utilizzato un approccio modulare: la parte anteriore, posteriore, i pannelli laterali, il tetto, il cofano e il telaio possono essere facilmente rimossi e rimontati. Una volta terminata l’auto, ogni singolo componente è stato rivisitato al fine di ridurre i pezzi e congiuntamente renderlo più leggero e robusto per soddisfare i requisiti di “giocabilità”.

Osservando il risultato finale si possono notare alcuni dettagli come i parafanghi rossi che catturano lo sporco, il cruscotto interno, i pedali, gli specchietti, le prese d’aria e i cerchi in lega bianchi.

Lancia-Delta-HF-Integrale-Lego: gli interni

Dal punto di vista tecnico il modellino può contare su ruote sterzanti (il volante, regolabile in altezza, sterza in modo sincronizzato con le ruote), sospensioni a doppia forcella, fari anteriori e fanali posteriori funzionanti, leva del cambio che consente di “switchare” tra la trazione posteriore al 4WD, e il differenziale posizionato nella parte anteriore. Ad alimentarla ci pensano 3 motori elettrici PF Large; c’è inoltre la possibilità di equipaggiare il modello con 2 o 3 motori PF XL.

Fonte : Wired