I tre giovani che pubblicano foto intime di ex fidanzate o semplici conoscenti sul web

Redazione 02 novembre 2020 08:06

Diffondevano foto di ragazze sul web: tre persone indagate per revenge porn. E’ una brutta storia quelle che emerge dalle indagini portate avanti dalla Polizia Postale di Palermo e Trapani, che ha eseguito tre perquisizioni nei confronti di altrettanti abitanti nei centri di Marsala e di Petrosino indagati per “revenge porn” ed altri reati ai danni di almeno 6 giovani donne.

I tre indagati per revenge porn a Marsala e Petrosino

I tre, tutti giovani uomini tra i 30 ed i 36 anni, avrebbero ricevuto e divulgato fotografie delle vittime – ex fidanzate o semplici conoscenti – anche ritratte prive di abiti, pubblicandole senza il loro consenso su un sito pornografico, all’interno di chat room dedicate allo scambio di materiale sessualmente esplicito.

Le indagini sono state avviate dopo la denuncia delle giovani vittime, avvisate da un ragazzo di Marsala il quale, dopo un servizio televisivo della trasmissione “Le Iene”, aveva verificato la presenza su un sito pornografico di fotografie di giovani donne del luogo e si era prodigato nell’avvisarle.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Al termine degli approfondimenti investigativi e degli accertamenti informatici eseguiti dalla Postale, la Procura di Marsala ha disposto la perquisizione nei confronti dei presunti responsabili dei fatti. L’analisi dell’ingente materiale sequestrato agli indagati – costituito da smartphone, computer, tablet e altri dispositivi informatici – potrebbe consentire di evidenziare ulteriori analoghe condotte poste in essere dagli indagati in danno di altre vittime, ancora da identificare. Le indagini sono solo all’inizio.

Il revenge porn è reato: “Colmato un vuoto normativo che non si poteva più ignorare”

Fonte : Today