Stazione Trastevere, primo il furto poi il messaggio: “Dammi 20 euro e ti restituisco i documenti”

Prima il furto del portafoglio poi il tentativo di estorsione con un messaggio: “Dammi 20 euro e ti restituisco i documenti”. E’ accaduto alla stazione Trastevere dove il ladro ha però trovato ad attenderlo gli agenti di polizia. 

Sono stati infatti i poliziotti del Compartimento Polfer per il Lazio e gli agenti del commissariato Celio ad ammanettare nel pomeriggio di domenica un cittadino ucraino di 40 anni. 

In particolare è stata la segnalazione alla sala operativa della Questura di Roma della vittima ad allertare i poliziotti. “Sono stata derubata del portafogli” ha raccontato la donna “E ora mi hanno contattato per telefono chiedendomi 20 euro per avere indietro i miei documenti”.

Gli investigatori hanno quindi concordato un appuntamento nei pressi di un supermercato alla stazione di Trastevere. Un agente è salito sul tram insieme alla vittima, un altro con una divisa del supermercato in prestito si è posizionato all’ingresso dello stesso e gli altri si sono appostati alle vicine fermate degli autobus.

All’arrivo presso il luogo concordato lo straniero ha chiamato nuovamente la donna per chiederle come potesse riconoscerla, avvicinatosi e restituitole il portafogli, il ladro è stato bloccato.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Proseguono le indagini della polizia volte ad individuare il complice del 40enne; mentre l’uomo infatti veniva bloccato dagli agenti sul telefono della vittima continuavano ad arrivare chiamate con le quali si sollecitava la vittima ad effettuare il pagamento.

Fonte : Roma Today