Festa del cinema di Roma, arriva ” Fuori era primavera”, il doc di Salvatores sul lockdown

Presentato al festival romano, il documentario del regista di “Mediterraneo” porta al cinema un intimo racconto degli italiani in lockdown

Covid, Gabriele Salvatores in isolamento. Non sarà alla Festa di Roma

Purtroppo Gabriele Salvatores non ci sarà. Il regista è in quarantena, anche se asintomatico e sta bene (qui tutti gli aggiornamenti sull’emergenza Covid). Ci sarà però il suo straordinario documentario. Oggi, 25 ottobre alle ore 17 verrà, infatti,  proiettato alla Festa del Cinema di Roma (vai allo speciale)  Fuori era primavera – Viaggio nell’Italia del lockdown di Gabriele Salvatores che porta sul grande schermo un intimo racconto degli italiani in lockdown: dalle meravigliose piazze italiane vuote, agli eroi in prima linea nelle corsie degli ospedali, ai balconi in festa, alle riprese domestiche. Una testimonianza collettiva filtrata attraverso la regia e la visione di un grande artista. 

UN FILM collettivo

Gabriele Salvatores compie 70 anni: i suoi film più belli. FOTO

Fuori era primavera – Viaggio nell’Italia del lockdown,è un film collettivo che vuole essere testimonianza e memoria di quel drammatico momento storico che ha attraversato il nostro Paese e il mondo intero. Nei giorni del lockdown attraverso i canali social e i tradizionali mezzi di comunicazione è stato lanciato un appello a chiunque volesse inviare materiali inediti – girati restando rigorosamente in casa – che raccontassero le azioni ed emozioni di quei giorni: come si trascorreva il tempo, cosa si vedeva dalle proprie finestre, quali paure, riflessioni e pensieri hanno accompagnato ognuno di noi, chi era al lavoro e chi a riposo forzato. Gabriele Salvatores, come tutti gli italiani, era chiuso tra le pareti domestiche. Non potendosi muovere ha chiesto di prendere i telefonini e utilizzarli come se fossero i suoi occhi, per permettergli di viaggiare all’interno delle case, di mondi diversi, di storie, emozioni e immagini che si aprivano dinanzi alle finestre. Una redazione composta da una rete di operatori e collaboratori su tutto il territorio nazionale si è occupata della ricerca e dell’archiviazione del materiale in due operazioni parallele: da un lato la ricerca e selezione di quello già esistente online, dall’altro l’archiviazione e la selezione di quello inedito ricevuto attraverso i nostri canali dagli utenti che hanno risposto all’appello. La ricerca dei materiali ha seguito un ordine cronologico, cominciando a raccontare l’inizio dell’epidemia, fino alla chiusura dell’Italia e l’arrivo il 4 maggio di un graduale allentamento dei divieti.

oltre 16mila contributi video

Fonte : Sky Tg24