Die Hard: Trappola di Cristallo, i segreti sul film con Bruce Willis e Alan Rickman

Stasera su Rete4 a partire dalle 21:20 torna in programmazione Trappola di Cristallo, primo capitolo della saga di Die Hard diretto da John McTiernan e interpretato dagli indimenticabili Bruce Willis e Alan Rickman.

Per prepararvi alla visione vi proponiamo alcuni curiosi retroscena sulla produzione. Come al solito le trovate qui sotto:

  • Nei commenti su dvd, il regista John McTiernan ha rivelato che la maggior parte delle inquadrature esterne dell’edificio che mostravano esplosioni sono state realizzate con delle vere e proprie esplosioni su vasta scala fatte detonare dentro e intorno all’edificio reale.
  • Il film rappresenta il debutto cinematografico (e hollywoodiano) di Alan Rickman, che in precedenza era apparso solo a teatro e nella televisione britannica. Rickman aveva 41 anni all’epoca ed era incredibilmente preoccupato, ma il suo straordinario successo nei panni di Hans Gruber gli ha assicurato una carriera redditizia nel cinema americano. Il primo giorno di riprese tuttavia si infortunò al ginocchio a causa di un salto, e realizzò una scena di dialogo con Bruce Willis appoggiato ad una stampella.
  • La scena in cui McClane cade nei condotti è stata un errore dello stuntman, che avrebbe dovuto afferrare il primo sfiatatoio, come originariamente pianificato. Lui però è scivolato e l’inquadratura venne utilizzata lo stesso, con l’aggiunta di una scena in cui McClane afferra la ventola successiva per interrompere la caduta.
  • Quando John McClane cammina sulle schegge di vetro a piedi “nudi”, Bruce Willis indossava speciali scarpe di “gomma” progettate per assomigliare ai suoi piedi nudi. Se fate attenzione, noterete che i suoi ‘piedi’ appaiono innaturalmente grandi in alcune inquadrature.
  • Solo un paio degli attori che interpretavano i terroristi tedeschi erano in realtà tedeschi, e solo un altro paio sapeva parlare un tedesco appena stentato. Gli attori sono stati scelti per il loro aspetto minaccioso e non per la loro nazionalità: dieci su dodici erano alti più di un metro e novanta.

Per altri approfondimenti vi rimandiamo all’Everycult su Die Hard 3 ed altre curiosità sulla saga di Die Hard.

Fonte : Everyeye