Alice nella Città 2020, vince Kajillionaire: trionfo per la bizzarra truffa di famiglia

Kajillionaire vince Alice nella Città 2020. “Per la capacità di creare una storia in grado di tradurre tematiche classiche in immagini dolci e spietate raccontate con uno sguardo surreale e cinico, attraverso dei personaggi grotteschi, metafora di una  realtà genitoriale tossica molto attuale. La famiglia non è solo quella in cui nasciamo ma quella che ci costruiamo” – questa la motivazione della giuria che ha scelto il film di Miranda July come vincitore di Alice nella Città, sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma dedicata alle giovani generazioni e alle famiglie.

Kajillionaire vince Alice nella Città 2020

E c’è proprio la famiglia al centro di Kajillionaire che, con i codici della commedia dell’assurdo, tiene insieme cose tra loro altrimenti diverse: parla d’intimità e abbandono, di personaggi in cerca di una rotta; di punti di riferimento emotivi che si misurano con il mondo e con il loro spaesamento o estraneità ad esso. 

Scaccia la morale per cui nella famiglia si trova la soluzione di ogni problema e mette al centro il talento, tutto al femminile, di un cast d’eccezione con Debra Winger, Richard Jenkins , Evan Rachel Wood e Gina Rodriguez. Contro-storie, al femminile che hanno la forza di raccontare, con immagini non troppo rimuginate, le ribellioni necessarie per ridefinire i limiti, i ruoli e le regole indispensabili per uscire da codici e canoni protetti.

Kajillionaire è una commedia tanto profonda e commovente, quanto originale e selvaggia. I due truffatori, Theresa (Debra Winger) e Robert (Richard Jenkins), hanno passato 26 anni della loro vita a insegnare all’unica figlia, Old Dolio (Evan Rachel Wood), le basi del raggiro, dell’imbroglio e del furto a tutti i costi. Nel corso di una truffa, ai limiti della disperazione, seducono una sconosciuta (Gina Rodriguez) che si unirà alla loro famiglia, senza sapere che stravolgerà il loro intero universo.

Kajillionaire  al cinema: “Premio Alice motivo in più per portarlo in sala”

A ritirare il premio Massimo Proietti, della Universal Pictures International che distribuirà il film: “E’ un film straordinario, ringrazio chi lo ha fatto. Questo premio per noi è molto importante: ci dà un motivo in più per portare il film in sala quando sarà possibile”.  
 

Fonte : Roma Today