Roma, lunedì sarà conferita la laurea honoris causa alla senatrice Liliana Segre

Il 26 ottobre, anniversario della fondazione dell’Università Lumsa, si svolgerà a Roma la cerimonia di inaugurazione del nuovo anno accademico 2020-2021, un appuntamento tradizionale della comunità accademica che darà ufficialmente il via all’81esimo anno di attività. 

Nell’occasione sarà conferita la laurea magistrale honoris causa in Relazioni internazionali alla senatrice Liliana Segre per i suoi meriti culturali e per l’impegno profuso nella testimonianza e nella difesa dei diritti umani. La cerimonia si aprirà con i saluti istituzionali del presidente del CdA dell’Università Lumsa, il cardinale Giovanni Lajolo, e proseguirà con la relazione sulle attività svolte dall’ateneo nell’anno accademico appena concluso, a cura del rettore Francesco Bonini. 

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

“L’opera compiuta dalla Senatrice Liliana Segre, che fonda l’odierno conferimento della laurea honoris causa in Reazioni internazionali – spiega la Prof.ssa Monica Lugato, ordinario di Diritto internazionale all’Università LUMSA incaricata di predisporre la Laudatio –, si sostanzia nell’impegno civile profuso nella testimonianza sui e per i diritti umani, in tre decenni di incontri, conferenze, iniziative civili sul genocidio degli ebrei, con studenti, docenti e pubblico in genere; nel contributo ad alcuni volumi di memorialistica che ricostruiscono l’esperienza di deportata ad Auschwitz; da ultimo, nel suo lavoro come senatrice a vita, in una veste istituzionale nella quale Ella prosegue con coerenza il medesimo impegno: con le interrogazioni di cui si è fatta promotrice; con le iniziative assunte, come la proposta di istituzione della Commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza e come l’appello per la reintroduzione della traccia di storia nell’esame di maturità; con i discorsi che ha pronunciato, nei quali professa “la fedeltà ai principi ed ai programmi avanzatissimi” della Costituzione repubblicana, e richiama al dovere di assicurarne la piena attuazione”.

Fonte : Roma Today