Coronavirus, a Roma 623 nuovi casi. Nel Lazio in totale i contagi sono 1251

Ottanta casi in più di positivi al Coronavirus a Roma nelle ultime 24 ore (623 del 22 ottobre a fronte dei 543 di 24 ore prima). 258 nei Comuni della provincia di Roma (rispetto ai 230 del 21 ottobre) e 370 nei capoluoghi di provincia del Lazio (unico dato in diminuzione rispetto ai 446 di mercoledì). Sono 1251 i nuovi positivi al Covid19 nel territorio della regione Lazio. E’ quanto si evince dai dati diffusi dalle Asl territoriali. Sedici i decessi, 107 i guariti.

Aumenta anche il numero dei tamponi (oltre 21mila nelle ultime 24 ore rispetto ai 20mila del giorno prima). “Migliora il rapporto tra i tamponi e i positivi che è 5,7% – il commento ai dati dall’assessore alla Sanità Alessio D’Amato -. Il valore RT regionale è 1,38 più basso a Roma e più alto nelle province di Viterbo, Frosinone e Latina. Presto bando per richiamare in servizio medici volontari andati in quiescenza disponibili a rientrare soprattutto anestesisti e medici del contact tracing. Buona l’adesione al secondo bando delle unità mobili USCA-R, hanno partecipato circa mille tra medici e infermieri per potenziare le attività sui territori”. 

Coronavirus a Roma 

In particolare a Roma città, nella Asl Roma 1 sono 179 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi di 92 e 96 anni con patologie. Nella Asl Roma 2 sono 319 i casi nelle ultime 24h e si tratta di centoquarantasei casi con link familiare o contatto di un caso già noto e centoventicinque i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano cinque decessi di 71, 74, 80, 84 e 90 anni con patologie. Nella Asl Roma 3 sono 125 i casi nelle ultime 24h e si tratta di ottantotto casi con link familiare o contatto di un caso già noto. 

Covid19 nei Comuni della provincia di Roma 

Nei Comuni della provincia romana invece, nella Asl Roma 4 sono 61 i casi nelle ultime 24h e si tratta di quarantaquattro casi con link familiare o contatto di un caso già noto, undici i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Due i casi individuati in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl Roma 5 sono 115 i casi nelle ultime 24h e si tratta di cinquantatre casi con link familiare o contatto di un caso già noto e tre individuati in fase di pre-ospedalizzazione. Si registrano due decessi entrambi di 86 anni con patologie. Nella Asl Roma 6 sono 82 i casi nelle ultime 24h e si tratta di venticinque casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi di 68, 70 e 85 anni con patologie. 

SarsCov2 nel resto del Lazio 

Nelle province si registrano 370 casi e quattro i decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 80 i nuovi casi e si tratta di casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso di 88 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 199 nuovi casi e si tratta di centottantaquattro casi isolati a domicilio e quindici ricoverati. Nella Asl di Viterbo si registrano 69 nuovi casi e si tratta di trentaquattro casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi di 73, 91 e 97 anni con patologie. Nella Asl di Rieti si registrano 18 nuovi casi e si tratta di casi con link familiare o contatto di un caso già noto. 

Il bollettino dello Spallanzani del 22 ottobre 

All’Istituto Spallanzani di Roma sono ricoverati “223 pazienti positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV-2. 41 pazienti necessitano di terapia intensiva”. Lo comunica, nel bollettino medico diffuso in giornata l’Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani aggiungendo che “i pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono a questa mattina 928”. 

I dati nella regione Lazio al 22 ottobre 2020

Nel complesso alla giornata del 22 ottobre, sono 18531 gli attuali casi positivi Coronavirus nella Regione Lazio. Di cui 17107 sono in isolamento domiciliare, 1293 sono ricoverati non in terapia intensiva, 131 sono ricoverati in terapia intensiva. 1070 sono i pazienti deceduti e 10020 le persone guarite. In totale sono stati esaminati 29621 casi.

Coronavirus Lazio 22.10.2020-2

Drive in solo su prenotazione online 

Come annunciato dall’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato: “Da martedì prossimo presso tutti i drive-in di Roma l’accesso sarà consentito solo previa prenotazione online”. “Il servizio di prenotazione sta andando bene ed è molto gradito poichè rende più fluido l’accesso ai drive-in, riducendo i tempi di registrazione anagrafica – spiega D’Amato -. Nel primo giorno di prenotazione, nelle prime due ore, abbiamo effettuato una prenotazione ogni 2 secondi come ci ha segnalato la societa’ che gestisce l’infrastruttura informatica LazioCrea”. 

“Il servizio è attivo già nei drive-in del Forlanini del Santa Maria della Pietà, del Santa Lucia e di Palmiro Togliatti. Su quest’ultimo drive stamani la Asl Roma 2 ci ha segnalato dei problemi poichè molte persone non prenotate si sono messe in fila già dalle prime ore dell’alba. Avranno comunque la possibilità di eseguire gratuitamente il test, ma faccio un appello a recarsi solo con la prenotazione per evitare disservizi e tensioni. Mentre al drive del Santa Lucia ci hanno segnalato che circa trenta utenti prenotati non si sono poi recati ieri ad eseguire il test. E’ importante che vi sia il rispetto della prenotazione – ha concluso D’Amato- per non recare danno a tutto il sistema”.

Coronavirus in un asilo nido a Guidonia

Coronavirus che non lascia indenne le scuole, come a Guidonia, dove un caso positivo al Covid19 riscontrato nell’asilo nido comunale “Il Giardino di Elisa” ne ha richiesto la chiusura temporanea, come annunciato dal Sindaco della Città dell’Aria Michel Barbet, sino al prossimo 27 di ottobre. 

130 nuovi monitor-defibrillatori ad Ares 118 

Come dichiara ancora l’assessore Alessio D’Amato: “Sono stati assegnati all’Ares 118 con delibera di Giunta regionale 2,7 milioni di euro per l’acquisto di 130 monitor-defibrillatori di ultima generazione per i mezzi di soccorso e di un nuovo veicolo per il trasporto ad alto bio-contenimento. Quest’ulteriore investimento serve all’ammodernamento tecnologico e a migliorare ulteriormente la risposta alla gestione dell’emergenza COVID-19 nell’ambito di un piano che prevede la completa internalizzazione dei mezzi di soccorso attualmente esternalizzati e il potenziamento della trasmissione di immagini e dati dai mezzi di soccorso alle strutture ospedaliere della rete emergenza-urgenza. Monitoreremo ora la tempestività dell’utilizzo di queste risorse nel rispetto delle procedure vigenti”.

“C’è molta soddisfazione da parte di ARES 118 per questo investimento – commenta Maria Paola Corradi Direttore generale di Ares 118 – che rientra nel percorso intrapreso dalla Regione per il potenziamento e la qualificazione del soccorso sanitario in emergenza, al fine di dare una risposta sempre più efficace ai bisogni di salute dei cittadini del Lazio”. 

La nuova ordinanza della Regione Lazio

Incremento dei casi che ha portato il presidente della Regione Lazio a firmare una ordinanza che determina il coprifuoco in tutto il territorio regionale dalle 24:00 di venerdì 23 ottobre sino alle 5:00 del mattino successivo. Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019 che si aggiungono agli altri atti che nel corso delle settimane sono stati firmati in via della Pisana seguendo le linee del nuovo Dpcm. 

“Con questo nuovo provvedimento viene rimodulata l’intera rete ospedaliera regionale ampliando e rafforzando i posti dedicati al Covid19 seguendo l’andamento della curva epidemiologica”. Dichiara il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, commentando l’ordinanza che entrerà  in vigore nel territorio. “In questi mesi – prosegue il presidente – il nostro lavoro è stato costante, non ci siamo mai fermati e grazie alla collaborazione di tutti nel Lazio solo ad ottobre sono stati effettuati 300mila tamponi, oltre 15mila in media al giorno e siamo la prima regione in Italia per numero di casi testati in proporzione alla popolazione”. 

“Continuiamo a monitorare costantemente la situazione e stiamo lavorando a implementare e incrementare l’azione di screening, per questo – conclude Zingaretti – stiamo avviando una manifestazione di interesse per individuare strutture private in grado di eseguire almeno 5mila tamponi al giorno”.

La nuova ordinanza della Regione Lazio 

Aumento dei posti letti 

Documento firmato dal Governatore che indica un potenziamento della rete Covid attraverso l’incremento di posti letto dedicati all’assistenza di pazienti affetti da Covid19, identificando strutture pubbliche e private ulteriori rispetto a quella già inserite nella rete COVID, anche parzialmente dedicate e provvedere all’ampliamento dei posti di quelle già inserite in rete, fino al raggiungimento di 2913 posti letto di cui 552 dedicati alla terapia intensiva e sub-intensiva. 

Coronavirus a Roma e nel Lazio il 21 ottobre 2020 

Anche mercoledì infatti c’è stato un incremento dei casi positivi al SarsCov2 a Roma e nel Lazio. Secondo i dati diramati dalla Asl territoriali sono stati  543 i nuovi casi Covid nella Capitale mentre in tutto il Lazio sono 1219. Sono invece 16 i decessi e 133 i guariti.

Test nel territorio regionale 

Secondo i dati della Protezione Civile di ottobre, risulta essere la prima Regione Italiana per casi testati ogni 100 mila abitanti. La media nazionale è di 2497 casi testati per 100 mila abitanti mentre quella della Regione Lazio è di 4045 casi. 

Articolo aggiornato alle ore 17:35 del 22 ottobre 2020. 

casi testati

Made with Flourish

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Made with Flourish
Made with Flourish

Fonte : Roma Today