Dario e Andrea, la coppia con 3 figli che ha convinto Papa Francesco sulle unioni gay

Se da oggi gli omosessuali cattolici possono contare sulla benedizione di Papa Francesco una parte del merito va anche ad Andrea Rubera e Dario De Gregorio, coppia gay che compare nel documentario “Francesco” di Evgeny Afineevsky in cui il Santo Padre, durante un’intervista dichiara che “gli omosessuali hanno diritto di essere in una famiglia. Sono figli di Dio e hanno il diritto a una famiglia. Nessuno deve esserne escluso”. Ebbene, nel film Bergoglio cita una coppia e si tratta di De Gregorio e Rubera: quest’ultimo – racconta nella pellicola – un giorno riuscì a far recapitare al Papa una lettera nella quale gli confidava di voler crescere i figli nella fede cattolica, temendo tuttavia per come sarebbero stati accolti nella parrocchia della loro città. Il Papa quindi gli aveva telefonato dicendogli di essersi commosso, e spingendolo a introdurre i figli nella vita della parrocchia, pur nella consapevolezza che avrebbero potuto incontrare delle resistenze. Rubera, nel film, dice di aver effettivamente fatto frequentare ai figli la chiesa, e di essere felice della scelta compiuta. I due si sono sposati nel 2009 in Canada e – grazie alla “gestazione per altri” – hanno fatto nascere i loro tre figli. Prima Artemisia, figlia biologica di Andrea, poi i gemelli Cloe e Iacopo, figli biologici di Dario.

In un’intervista rilasciata a Repubblica nel 2014 i due raccontano: “Ci siamo conosciuti al primo anno di università. Al secondo eravamo già innamorati e da allora non ci siamo mai lasciati. Se è stato difficile? Come per tutti. Ci si lascia perché ci si ferma di fronte alla prima difficoltà. La nostra è una civiltà usa e getta: impegnarsi per risolvere un problema o cambiare e trovare compromessi è ormai quasi inconcepibile. Ci si lascia”. Dario spiegava inoltre: “Siamo cristiani, facciamo parte di un’associazione di omosessuali e transessuali che si chiama Nuova Proposta, nata per aiutarsi, pregando, a conciliare la propria omosessualità con la fede cattolica. Il Vangelo è un messaggio di grande libertà: spinge a essere sé stessi e a creare felicità. Noi l’abbiamo fatto, e abbiamo anche creato delle vite che senza di noi non sarebbero esistite”. Chissà se quel giorno di sei anni fa avrebbero mai potuto immaginare che un giorno Papa Francesco avrebbe accolto il loro desiderio…

Fonte : Fanpage