Cirio come Aldo Moro: gli agghiaccianti manifesti contro il governatore del Piemonte

Alcuni manifesti sono apparsi nella mattinata di oggi, mercoledì 30 settembre 2020, nella zona del centro sociale Askatasuna, in corso Regina Margherita a Torino. Raffigurano la testa del presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, sovrapposta a quella di Aldo Moro nel periodo in cui era stato sequestrato dalle Brigate Rosse.

Privi di rivendicazione (c’è soltanto la scritta “I cosplayer che ci piacciono”), sono stati acquisiti dalla Digos della questura che ha dato il via alle indagini sull’accaduto e ha eseguito alcune perquisizioni in città e in valle di Susa. 

“Qualcuno forse pensa di fermare il Piemonte e i piemontesi con le intimidazioni. Ma, ci ha insegnato Aldo Moro, ‘La vera libertà si vive faticosamente tra continue insidie’. E la nostra terra va avanti”.

Così il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, commenta così i volantini che lo ritraggono come lo statista democristiano rapito e ucciso dalle Brigate Rosse. Da tutto il panorama politico arrivano messaggi di solidarietà.

Solo ieri due proiettili calibro 9×21, sono stati recapitati al Tribunale di Sorveglianza di via Bologna all’interno di una busta pluriball in una missiva indirizzata al magistrato Elena Bonu che pochi giorni fa aveva firmato l’ordinanza che respingeva le misure alternative al carcere nei confronti di Dana Lauriola, la 38enne esponente No Tav e dell’Askatasuna, condannata definitivamente a due anni per il blocco dell’autostrada del Frejus del 2012.    

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Alberto Cirio è stato il principale sfidante di Chiamparino alle elezioni regionali del maggio 2019, sostenuto da una coalizione di centrodestra composta da Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, UDC. Quarantasette anni, già vice sindaco di Alba e consigliere comunale con la Lega Nord, dal 2010 al 2014 ha ricoperto la carica di assessore all’Istruzione, Sport e Turismo della Regione Piemonte e alle elezioni del  2014 era stato eletto al Parlamento Europeo per Forza Italia

Fonte : Today