Chadwick Boseman pagò parte del salario di Sienna Miller in 21 Bridges

Secondo quanto emerso recentemente, per la pellicola 21 Bridges, in Italia uscita col titolo City of Crime, Chadwick Boseman utilizzò parte del suo compenso per innalzare quello della collega e co-protagonista Sienna Miller, ritenuto spropositatamente basso rispetto al suo cachet. A rivelarlo è stata la stessa Miller…

La Miller ha rivelato il retroscena sulle pagine di Empire, sottolineando ancora una volta l’impegno nel sociale del compianto Chadwick Boseman, anche per questioni che riguardavano la parità degli stipendi tra protagonisti maschili e femminili nel mondo di Hollywood, questione tornata in prima linea nella cronaca grazie all’insistenza dei movimenti come il #MeToo e affiliati.

Era tra i produttori di City of Crime e si è speso molto personalmente per avermi nel film. Era un fan del mio lavoro, ed era entusiasmante perché io lo ero altrettanto del suo“. All’epoca della lavorazione del film, la Miller non era convinta di poter tornare a recitare, visti anche i numerosi impegni famigliari, e solo una generosa offerta l’avrebbe convinta ad accettare la parte: “Ero esitante sul fatto di tornare al lavoro, non era il momento adatto per me, visto che mia figlia stava tornando a scuola. ‘Lo farò se il compenso sarà adeguato e giusto’. Così Chadwick ha finito per donarmi parte del suo salario per permettermi di ottenere la cifra che avevo chiesto“.

Infine, la Miller ha aggiunto: “In seguito Chadwick mi disse che ero stata pagata come meritavo“. City of Crime è prodotto dai fratelli Russo, tra gli altri.

Intanto, non si esauriscono i messaggi di cordoglio verso il compianto interprete di Black Panther, morto a causa di un cancro al colon contro cui combatteva da anni. L’ultimo dei messaggi è stato mandato da Sean Gunn, suo collega ai Marvel Studios.

Fonte : Everyeye