Accoltellato a morte dopo una lite, richiedente asilo condannato a 16 anni dalla Corte di Assise

Fahd Ziotuni è stato condannato a 16 anni dai giudici della Corte di Assise di Appellodi Roma per l’omicidio Mourad Bouazzi, marocchino di 38 anni, morto il 24 settembre scorso sul lungomare degli Ardeatini, nel pomeriggio del 17 settembre 2018 ad Ardea. 

Fahd Ziotuni, all’epoca dei fatti, aveva 28 anni e, secondo quanto emerso nei minuti successivi all’arresto, era in Italia con permesso di soggiorno per richiesta di asilo politico.

Il 28enne marocchino, attualmente detenuto al carcere di Civitavecchia, in primo grado era stato condannato a 30 anni. Ora la sua pena è stata dimezzata perché il giudice gli ha riconosciuto le attenuanti generiche del caso, così come ha spiegato a RomaToday l’avvocato penalista Federico Sciullo: “E’ stato riconosciuto il lavoro fatto dalla difesa. L’appello accolto ha così rideterminato la pena in termini di giustizia, ravvisando la positiva condotta dell’imputato. E’ una decisione proporzionale al fatto e alla condotta del mio assistito”. 

Il 28enne, secondo quanto emerso, ha sempre sostenuto di essersi difeso durante l’aggressione. Per le attenuanti generiche, inoltre, è stato preso in considerazione anche il fatto che il 28enne, dopo il fatto, si fosse presentato spontaneamente dai carabinieri della stazione di Tor San Lorenzo e che, in questo lasso di tempo, avesse anche anche proposto un risarcimento economico alla famiglia di Mourad Bouazzi.

La vittima, secondo la ricostruzione dei carabinieri dopo l’omicidio, era seduto su un muretto quando è stato avvicinato dal connazionale che, con un coltello da cucina con una lama lunga 25 centimetri, lo ha colpito al torace ferendolo mortalmente.

Interrogato sui fatti che hanno portato all’uccisione del connazionale, Fahd Ziotuni aveva confessato di aver avuto un litigio con Mourad Bouazzi e che, per difendersi, lo aveva colpito.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Fonte : Roma Today