Le nuove voci di Carl dei Simpson e Cleveland dei Griffin

I doppiatori storici dei personaggi afroamericani all’interno delle due serie animate hanno rinunciato al ruolo per lasciar spazio ad attori di colore, soprattutto dopo le polemiche scoppiate in seguito al Black Lives Matter

Quando ci si appassiona a una serie animata, oltre allo stile grafico e alla bontà della trama, ci si affeziona anche alla voce dei personaggi. E quando queste voci, per una ragione o per l’altra, cambiano, è quasi sempre uno choc per gli spettatori. Lo sanno bene gli appassionati italiani dei Simpson, che qualche anno fa hanno visto cambiare la voce di Homer per via della morte del doppiatore storico Tonino Accolla e poi anche di Marge e co. per varie vicissitudini contrattuali. Ora negli Stati Uniti avverrà un cambiamento ancora più epocale e dettato da precise ragioni di sensibilità sociale.

Nel primo episodio della 32esima stagione dei Simpson, andato in onda la scorsa domenica, Carl Carlson, il collega e amico afroamericano di Homer, aveva una voce completamente diversa. Dopo più di 30 anni, infatti, il doppiatore storico Hank Azaria ha rinunciato al ruolo, così come a doppiare tutti gli altri personaggi non-bianchi della serie, questo soprattutto dopo le aspre polemiche che da tempo riguardato la rappresentazione stereotipata, perfino nella voce, del proprietario del K-Mart di origini indiane Apu. Adesso Carl sarà interpretato dall’attore Alex Désert, visto nella serie Better Things. Un cambiamento simile e altrettanto eclatante riguarderà anche I Griffin: il personaggio di Cleveland Brown, finora doppiato dall’attore bianco Mike Henry, sarà affidato a partire dall’imminente 19esima stagione all’afroamericano Arif Zahir.

Questi cambiamenti segnano un concreto cambio di passo, specie dopo che le violenze, che hanno scatenato il movimento Black Lives Matter, hanno riportato alla centralità una sensibilità maggiore nei confronti della rappresentazione culturale e mediatica delle minoranze. Nei mesi scorsi molti attori e attrici avevano rinunciato ai ruoli che sovrapponevano la loro identità caucasica a personaggi di colore: Kristen Bell e Jenny Slate avevano annunciato già quest’estate di voler lasciare rispettivamente Central Park e Big Mouth. Le novità ne I Simpson e ne I Griffin renderanno ancora più evidente la nuova norma secondo cui i personaggi di colore vanno lasciati alle persone di colore.

Fonte : Wired