L’INTERVISTA | Paolo Ferrara (M5s): “Vertici nazionali riconoscano che noi consiglieri, con la sindaca, siamo degli eroi”

Tra gli alfieri difensori della sindaca Virginia Raggi, passato ormai da mesi nel suo cerchio magico, il consigliere grillino di Ostia, Paolo Ferrara, attacca i vertici del Movimento. “Non riconoscono il grande lavoro che abbiamo fatto” spiega a RomaToday mettendo a tacere chiunque osi prendere la parola in merito alla città e alla sua amministrazione. Ultimo in ordine di tempo il deputato Emilio Carelli, all’attacco di Raggi per la mancata candidatura di Roma a ospitare il G20 della Salute. “Siamo un’esperienza unica e straordinaria di governo del territorio e ci va riconosciuto. Parla di Roma chi ha le competenze per farlo”. Non vede grossi problemi nel malcontento montante all’interno della maggioranza, né nello scollamento sempre più ampio con la base di attivisti storici. “Le incomprensioni si saneranno”. E glissa su una sua possibile candidatura a presidente del municipio di Ostia: “Non ho deciso nulla”. 

“Cari vertici, aveva ragione Giulio Andreotti quando sosteneva che in politica la riconoscenza è ‘il sentimento della vigilia’”. Consigliere questo è l’inizio di un suo lungo post su Facebook. Cosa è successo?  

Sento continuamente parlamentari del Movimento che parlano di Roma, che si prendono la briga di dire cose al posto nostro, e invece di questa città deve parlarne chi la conosce, chi da anni sta sui territorio con un attivismo che non si è mai fermato. La mia era una critica contro chi parla senza sapere. 

Non è la prima volta che si erge in difesa della sindaca. Penso alle sue repliche a Roberta Lombardi in chiave anti-alleanze col Pd. Stavolta con chi ce l’ha? Con il deputato Emilio Carelli che ha attaccato Raggi per non aver ancora candidato Roma a ospitare il G20 della Salute?

Anche, sì.

Pensa che Raggi non goda dell’appoggio sufficiente da parte dei cosiddetti “vertici” del Movimento?

Più che di appoggio si tratta di riconoscimento. Di riconoscere competenze, capacità, e quindi il diritto di prendere parte alle decisioni ma anche di poter parlare a voce del popolo romano e di Roma. Solo noi consiglieri e la sindaca abbiamo questo diritto, è una questione di rappresentanza. A Roma è stata fatta un’esperienza unica per il M5s nel panorama nazionale, quello che abbiamo vissuto, anche nella continua pressione mediatica, è qualcosa di unico e prezioso. Per questo meritiamo di essere ascoltati, e studiati, per come siamo riusciti ad arrivare alla fine. Siamo cresciuti moltissimo a Roma, anche molto di più di tanti parlamentari, è importante cominciare a riconoscere che siamo degli eroi in questo percorso. 

A proposito di consiglieri da ascoltare. Ce n’è una parte in Consiglio comunale che non si sente ascoltata nemmeno dalla sindaca… 

Il malcontento è fisiologico in ogni gruppo. Il punto non è quello. 

Non pensa sia un problema che una parte di eletti, almeno sei, sette, in Aula, abbia di fatto bocciato l’esperienza Raggi?

Ma no, penso che riusciranno ad arrivare una sintesi. Stanno dialogando, anche se a volte lo fanno in modo un po’ scomposto. 

E lo scollamento di Raggi dagli attivisti storici sui territori? Neanche questo sarà un problema in vista delle prossime elezioni?

Sono certo che la sindaca riuscirà a spiegare le grandi difficoltà incontrate e i grandi risultati ottenuti. Le incomprensioni verranno certamente sanate. 

Anche lei come Raggi festeggia per il risultato elettorale?

Beh il referendum è senz’altro un grande successo, è dei cittadini ma in parte è giusto intestarcelo. 

E le regionali? C’è chi ha attaccato la sindaca dicendo che c’è poco da festeggiare…

I risultati non sono stati eccezionali, è vero, e si deve aprire una fase di riflessioni e dibattito con la convocazione al più presto degli Stati Generali. Detto questo le regionali non sono mai state il nostro metro di misura del consenso. 

Concludiamo sul suo futuro politico. Si sta spendendo molto sul suo territorio, Ostia. Ha deciso se candidarsi presidente del municipio?

No non ho deciso niente. Non escludo nulla ma in questo momento non è nei programmi.  

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

 

Fonte : Roma Today