Comunali 2020, tutti i sindaci eletti in provincia di Milano

Nove comuni del Milanese hanno votato per il rinnovo del sindaco e del consiglio comunale. Domenica 20 e lunedì 21 settembre si è votato a Baranzate, Bollate, Cologno Monzese, Corsico, Cuggiono, Legnano, Parabiago, Segrate e Vittuone. Ecco come è andato il voto per le amministrative.

A Baranzate confermato il sindaco uscente Luca Elia

A Baranzate il voto ha riconfermato il sindaco uscente, Luca Elia, sostenuto dalla lista civica Progetto per Baranzate, che ha ottenuto il 46,75 per cento delle preferenze. Sconfitti Franco Stefano Cesaratto (lista ‘Insieme per Baranzate’), secondo con il 36,40 per cento, e Gianni Angelini (Forza Italia, Fratelli D’Italia, Lega) con il 16,85 per cento.

A Bollate Franco Vassallo resta sindaco per altri cinque anni

Anche nel comune di Bollate il sindaco uscente di centrosinistra, Franco Vassallo, ha vinto al primo turno. Il candidato di Partito Democratico, “+Bollate Viva”, “Sinistra nuova per Bollate”, Psi, “Uniti per Bollate” e lista “Piano B” ha ottenuto il 56,03 per cento dei voti. Staccato il 26enne leghista Peter Guidi (sostenuto anche da Forza Italia, Fratelli d’Italia e “Bollate Ideale – Guidi Sindaco”) con il 33,07 per cento. Pierluigi Catenacci (“Per un’altra Bollate”, “Bollatesi in Movimento”, “Civica Ambientalista”) si ferma all’10,90 per cento.

A Cologno Monzese conferma per Angelo Rocchi

A Cologno Monzese il sindaco uscente Angelo Rocchi (Lega, Fratelli d’Italia e dalle liste “Noi con Rocchi sindaco”, “S. Maurizio al Lambro in comune” e “Lista Di Bari Cologno nel cuore”) che ha ottenuto il 58,56 per cento dei voti, ottenendo la riconferma. Enzo Barbarisi (sostenuto da un’inedita alleanza tra Movimento 5 Stelle e Verdi, con le liste civiche “Barbarisi sindaco” e “Ambiente e innovazione”) non ha raggiunto il 9 per cento. Alessandra Roman Tomat (Pd, “Cologno solidale e democratica”, “Sinistra colognese”, “+ Cologno viva”, “Lista civica Alessandra Roman Tomat”) ha ottenuto oltre il 25 per cento dei voti. Nel campo del centrodestra Antonio Velluto (Forza Italia, Confederazione Grande nord, Movimento politico Libertas e le liste civiche “Pensionati per Cologno” e “Cologno libera lista Velluto”) ha ottenuto il 6,74 per cento. Infine c’è Gilberto Garbelotto, Sinistra alternativa Cologno Monzese, che ha superato di poco l’1 per cento.

Corsico, al ballottaggio l’ex sindaco Errante contro il dem Ventura

A Corsico, tornata alle urne dopo il commissariamento del 2019, sarà decisivo il ballottaggio tra l’ex sindaco Filippo Errante (Lega, Fratelli d’Italia e lista “Corsico Ideale”) con il 41,10 per cento e il candidato del centrosinistra Stefano Martino Ventura (Partito democratico, “Insieme per Corsico, “Corsico torna grande”) con il 36,19 per cento. Gianluca Vitali, del M5S, ottiene l’8,15 per cento. Si ferma a poco prima dell’8 per cento invece Roberto Mei, sostenuto da un’inedita alleanza che comprende Forza Italia (partito a cui Mei è iscritto dal 1996), e la lista “Corsico popolare” in cui figura anche Italia Viva, il partito di Matteo Renzi. Mei era finito nella bufera per alcuni suoi vecchi post su Facebook nei quali inneggiava a Benito Mussolini. Più indietro gli altri candidati.

Cuggiono, il nuovo primo cittadino è Giovanni Cucchetti

A Cuggiono il nuovo sindaco è Giovanni Cucchetti (Cuggiono Democratica) eletto con il 42,10 per cento delle preferenze. Secondo Marco Maltagliati (Prima Cuggiono e Castelletto), terzo il candidato di Lega e Forza Italia, Maria Teresa Perletti.

Legnano, sfida al secondo turno tra Toia e Radice

A Legnano il nuovo sindaco sarà deciso al ballottaggio tra Carolina Toia (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia), in testa con il 41,35 per cento, e Lorenzo Radice (Partito Democratico, “Insieme per Legnano/ Legnano Popolare”, “riLegnano”), che insegue con il 31,59 per cento. Decisivi potrebbero essere i voti dei candidati che hanno ottenuto meno preferenze: Alessandro Rogora (Europa Verde), Lucia Bertolini (La Sinistra/Legnano in Comune), Simone Rigamonti (Movimento 5 Stelle), Franco Colombo (Franco Colombo sindaco), Franco Brumana (Legnano Cambia, Movimento cittadini).

Parabiago, affermazione del sindaco uscente Raffaele Cucchi

A Parabiago si conferma nettamente Raffaele Cucchi (Lega, Forza Italia, Attiva Mente e Fratelli d’Italia) con il 63,13 per cento dei voti. Molto lontani gli sfidanti Ornella Venturini (Partito democratico) con il 17,44 per cento e Giuliano Rancilio (lista civica ri-Parabiago) con il 14,60 per cento.

Segrate, il dem Paolo Micheli confermato per altri 5 anni

A Segrate il sindaco uscente Paolo Micheli (Partito democratico, “Lista Paolo Micheli”, “Segrate Nostra”, “+Segrate Viva”) è in testa con il 51,66 per cento. Luca Sirtori (Fratelli d’Italia, Lega) si ferma al 21,30 per cento, Laura Aldini (Forza Italia, Cambiamo!, PartecipAzione) al 17,09 per cento,  Dena Arabsolgar (Segratesì) al 4,07. Più indietro gli altri sfidanti.

Laura Bonfadini eletta sindaco a Vittuone

A Vittuone si è affermata nettamente Laura Bonfadini (Viviamo Vittuone) con il 41,71 per cento. Il centrodestra si è diviso e ne ha pagato le conseguenze. Antonio Miglio (Forza Italia, Fratelli d’Italia) ha ottenuto il 29,62 per cento, Elena Lovati (Lega, Noi con l’Italia) è al 28,68 per cento.

Fonte : Fanpage