Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

Su oltre 9 mila tamponi nel Lazio, nella giornata del 22 settembre si registrano 238 casi, di questi 141 sono a Roma (il dato più alto da inizio pandemia) e quattro i decessi. Il precedente picco, che fece registrare 131 contagi, era di un mese fa, del 22 agosto.

“Numeri che non ci consentono di abbassare la guardia come diciamo da giorni. – ha commentato l’assessore alla sanità nel Lazio Alessio D’Amato – C’è una ripresa, anche se in un quadro completamente diverso: oggi prevalgono gli asintomatici e i cluster famigliari. Al momento non abbiamo situazioni di sofferenza nella rete, ma dobbiamo necessariamente mantenere alta l’attenzione”, ha detto mentre sono operativi presso gli scali di Fiumicino e Ciampino i test per gli arrivi da Parigi e altre zone della Francia. 

I nuovi casi di coronavirus a Roma

Nella Asl Roma 1 sono 47 i casi nelle ultime 24h e di questi cinque sono di rientro, due con link dalla Sardegna, uno dalla Francia, uno dall’India e uno dalla Romania. Diciassette sono i casi con link familiare o contatto di un caso già noto e isolato. Nella Asl Roma 2 sono 70 i casi nelle ultime 24h e tra questi tre sono i casi di rientro due dalla Spagna e uno dalla Romania. Trentuno sono i contatti di casi già noti e isolati e ventisette individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Nella Asl Roma 3 sono 24 i casi nelle ultime 24h e si tratta di quattro casi di rientro, tre dall’Abruzzo e uno dalla Toscana. Tredici sono i contatti di casi già noti e isolati. 

I contagi nella provincia della Capitale

Nella Asl Roma 4 sono 8 i casi nelle ultime 24h e si tratta di sei contatti di casi già noti e isolati e uno individuato su segnalazione del medico di medicina generale. Nella Asl Roma 5 sono 14 i casi nelle ultime 24h e si tratta di quattro casi di rientro dalla Puglia e nove sono i contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl Roma 6 sono 21 i casi nelle ultime 24h e si tratta di due casi di rientro uno con link dalla Sardegna e uno dall’Ucraina. Dodici i contatti di casi già noti e isolati e un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione. 

54 casi e nessun decesso nelle ultime 24h nelle altre città della regione

Nelle province si registrano 54 casi e nessun decesso nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono trenta i casi e si tratta di cinque casi con link al cluster del mercato ittico dove è in corso l’indagine epidemiologica. Tredici sono i casi con link familiare o contatto di un caso già noto e isolato e tre i casi di rientro dalla Romania. Nella Asl di Frosinone si registrano nove casi e si tratta di sei contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Rieti si registrano quattordici casi e si tratta di tredici casi con link al cluster di una RSA dove è in corso l’indagine epidemiologica. Nella Asl di Viterbo si registra un caso e si tratta di un caso individuato in accesso al pronto soccorso.

I casi Covid nel Lazio 

Ad oggi nel Lazio sono 6030 gli attuali casi positivi al Covid-19, di questi 5517 sono in isolamento domiciliare. Mentre 482 persone sono ricoverate, di cui 31 in terapia intensiva. Infine, 899 persone sono decedute e 7851 guarite. In totale sono stati esaminati 14780 casi. Lo riporta il bollettino della Regione Lazio.

Positiva studentessa di un liceo

Made with Flourish
Made with Flourish
Made with Flourish

Task force per i vaccini a Roma 

Nella giornata di martedì è stato fatto un punto sulle vaccinazioni antinfluenzali: dal 24 settembre saranno distribuite le prime 400 mila dosi alle Asl Roma 1, Asl Roma 2, Asl Roma 6, Asl di Viterbo e Asl di Latina. Obiettivo è quello di vaccinare 2,4 milioni di cittadini. Sarà attivo a partire da mercoledì, presso l’ospedale Sant’Eugenio, il nuovo drive-in pediatrico nella fascia di età compresa tra 0-6 anni in collegamento con l’ospedale pediatrico Bambino Gesù punto di riferimento per tutte le attività pediatriche. Un percorso protetto dedicato ai bambini con accesso presso il centro prelievi da viale Rhodesia.

A Roma apre un nuovo drive-in per i test rapidi

Pubblicata la procedura per l’abilitazione delle strutture sanitarie nel Lazio autorizzate all’esercizio dell’attività di diagnostica di laboratorio per l’esecuzione dei test rapidi antigenici. “Apre presso l’IRCCS Santa Lucia il nuovo drive-in a Roma-Sud (Asl Roma 2 – ingresso da via ardeatina 354). – sottolinea D’Amato – La postazione, opportunamente segnalata, si trova presso l’area di parcheggio antistante l’ospedale di neuroriabilitazione dell’IRCCS. Il nuovo drive-in nasce per incrementare la sicurezza e l’inclusione delle persone con disabilità promossa dalla Regione Lazio, valorizzando l’esperienza del Santa Lucia”.

Positivo l’attaccante della Lazio Vedat Muriqi

L’attaccante della Lazio Vedat Muriqi, appena acquistato dal Fenerbahce, è risultato positivo al tampone per il Covid-19. Muriqi si è sottoposto al test poco prima di ripartire per l’Italia dove si sarebbe dovuto aggregare alla squadra di Inzaghi.

Speranza: “Obbligo tampone per chi arriva da Parigi”

“Ho firmato una nuova ordinanza che estende l’obbligo di test molecolare o antigenico ai cittadini provenienti da Parigi e altre aree della Francia con significativa circolazione del virus”. Lo annuncia sui social il ministro della Salute, Roberto Speranza. “I dati europei non possono essere sottovalutati – ammonisce – L’Italia oggi sta meglio di altri Paesi, ma serve ancora grande prudenza per non vanificare i sacrifici fatti finora”.

L’ordinanza, informano dal dicastero, entrerà in vigore domani e riguarda le seguenti aree: Alvernia-Rodano-Alpi, Corsica, Hauts-de-France, Île-de-France, Nuova Aquitania, Occitania, Provenza-Alpi-Costa azzurra.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Articolo aggiornato alle 17:30 del 22 settembre 

Fonte : Roma Today