La fotocamera con il super zoom che sembra un cannocchiale

Concepita per godersi al meglio gli eventi sportivi, la PowerShot Zoom è tascabile, leggera e costa 260 euro ma per ora è una esclusiva dei giapponesi

A un anno dal prototipo mostrato in una fiera in giappone, Canon lancia la PowerShot Zoom, fotocamera monoculare che ricorda un cannocchiale, tascabile e peso piuma (144 grammi). Dotata di sensore cmos da 1/3’’, scatta immagini con risoluzione da 12,1 megapixel e, come indica il nome, spicca per la capacità d’ingrandimento, cioè per lo zoom ottico da 100 mm a 400 mm (equivalenti), che arriva a 800 mm con lo zoom digitale. Pensata in particolare per godersi al meglio gli eventi sportivi potendo rinunciare ad attrezzature di maggiore ingombro, la clip di presentazione parla chiaro in tal senso, sfrutta il processore Digic 8 per filmare video in full hd, mentre l’apertura va da f/5.6 a f/6.3 e la sensibilità Iso varia da 100 a 3200.

Per raggiungere i pochi tasti presenti sul corpo basta un dito (accensione/spegnimento, scelta foto/video e zoom), c’è la stabilizzazione dell’immagine e l’autofocus con capacità di riconoscimento dei volti. Disponibile per ora solo in Giappone, dove si può prenotare sostenendo la campagna di crowdfunding (e non è la prima volta che Canon sceglie la raccolta fondi per passare alla produzione di una camera), la PowerShot Zoom è proposta a un prezzo vicino ai 260 euro e solo più avanti, proprio come già successo con la Ivy Rec, potrebbe arrivare sui mercati internazionali.

Fonte : Wired