Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de’ Schiavi

Una studentessa di Acilia positiva, un bambino contagiato a Val Melaina e un caso sospetto di Covid-19 a Tor de’ Schiavi. Nelle ultime ore tre scuole di Roma sono state costrette a rivedere i loro piani didattici. 

Nel pomeriggio del 21 settembre, il liceo statale Enriques del X Municipio di Roma ha comunicato un caso di coronavirus. Si tratta di una studentessa che frequenta la sezione linguistica dell’Istituto, dislocata ad Acilia, in via Andrea da Garessio 109.

Positiva studentessa dell’Enriques di Acilia

A confermare il caso è stato proprio l’istituto. In attesa dell’esito del test effettuato ai compagni della ragazza, è stata dichiarata la quarantena obbligatoria per la classe. “L’alunna ha frequentato la scuola solo per un giorno, dopodiché ha saputo che era entrata in contatto con una persona positiva, estranea alla scuola”, spiega il preside del Liceo nel comunicato ufficiale.

La Asl Roma 3, fa sapere l’istituto, ha disposto “l’isolamento per 14 giorni per tutta la classe, i docenti e il personale Ata (anche loro in isolamento) saranno sottoposti a tampone e la sanificazione degli ambienti scolastici interessati. Mercoledì le lezioni ripartiranno regolarmente, ad eccezione della classe interessate che svolgerà la didattica a distanza”, spiega il preside.

Casi anche a Tor de’ Schiavi e Nuovo Salario

Sempre lunedì, a seguito della segnalazione della presenza di un alunno della scuola primaria positivo al coronavirus, l’istituto Piaget del Nuovo Salario ha attivato “tutte le procedure previste dai protocolli, comunicando alla ASL Roma 1 i nomi e i riferimenti degli alunni della classe interessata, delle loro famiglie e dei docenti della classe”.

“La ASL – spiega la scuola che riaprirà mercoledì 23 settembre – contatterà le famiglie degli alunni e i docenti di classe ritenuti contatti stretti di caso COVID che dovranno osservare un periodo di 14 giorni di quarantena”.

Situazione analoga a Tor de’ Schiavi dove gli studenti del Liceo Benedetto da Norcia, nelle due sedi di via Saracinesco e via Anagni, sono rimasti a casa perché i plessi sono rimasti chiusi per sanificazione. “Tutte le attività si svolgeranno in modalità on line. Le lezioni riprenderanno dal 23 settembre secondo l’orario e le modalità già comunicati”, ha spiegato in una nota il dirigente Scolastico, la professoressa Giuseppina Rubinacci 

La scorsa settimana casi anche nel liceo Righi, al De Merode di piazza di Spagna, a Villa De Santis (con un bambino dell’asilo risultato positivo al tampone), senza dimenticare i casi all’American Overseas School of Rome e alla Marymount International.

Positiva una bambina a Rocca Priora

Anche in provincia di Roma i casi non mancano. “L’ASL RM6 ci ha comunicato che un’alunna della scuola d’infanzia sezione H Istituto Comprensivo “Duilio Cambellotti”, a seguito di sintomi influenzali ha effettuato il test Covid-19 ed è risultata positiva”, ha resto noto la sindaca di Rocca Priora Anna Gentili.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

La sezione H dell’Infanzia verrà sanificata come prevede il protocollo anti Covid-19 in caso di un alunno positivo. “Nel caso specifico, dato che il plesso è stato in questi giorni sede di seggio elettorale, l’intera scuola verrà sanificata nella giornata di oggi, come previsto dalla normale gestione post elezioni. – ha sottolineato Anna Gentili – Tutte le bambine e tutti i bambini frequentanti la sezione H dell’Infanzia dell’IC Cambellotti resteranno a casa in quarantena obbligatoria disposta dalla Asl fino al giorno 28 settembre”.

Fonte : Roma Today