Coronavirus, il bollettino di oggi martedì 22 settembre: la mappa dei nuovi focolai

Coronavirus, il nuovo bollettino coronavirus del Ministero della Salute di oggi martedì 22 settembre 2020 conferma il preoccupante trend in costante aumento del numero dei nuovi casi di positività al Sars-Cov-2. Solo nel Lazio il numero dei pazienti in terapia intensiva è triplicato nelle ultime due settimane

L’ultimo bollettino coronavirus pubblicato ieri lunedì 21 settembre registrava oltre 1350 nuove diagnosi di positività alla Covid-19 con circa la metà dei tamponi processati rispetto alla media dell’ultima settimana e 17 decessi, mentre sale il numero dei ricoveri e dei pazienti gravi.

Vediamo ora nel dettaglio tutti i dati. In coda all’articolo la sezione aggiornata con le ultime notizie in arrivo dalle regioni per far luce sui nuovi focolai di coronavirus e le ultime notizie sull’epidemia di Covid-19 in Italia 

Coronavirus, il bollettino di oggi martedì 22 settembre 2020​​

  • Articolo in aggiornamento, clicca qui per refreshare la pagina 

I focolai di coronavirus: i dati regione per regione

In attesa di conoscere intorno alle 17:00 i numeri del bollettino coronavirus comunicati dal Ministero della Salute, vediamo gli aggiornamenti in diretta dalle singole regioni. 

In Veneto si registrano 119 nuovi casi di positività al coronavirus nelle ultime 24 ore e tre vittime, che portano il dato complessivo dei morti a 2.165. Il numero totale degli infetti dall’inizio dell’epidemia tocca quota 26.004. Torna a salire il dato dei soggetti in isolamento domiciliare, 7.400 (+506), e così pure il numero dei ricoverati con Covid, 195 (+12), e dei pazienti in terapie intensiva, 20 (+1). Le persone attualmente positive sono 3.143 (+50).

Sono 8 i nuovi casi di coronavirus in Alto Adige su 1.005 tamponi esaminati nelle ultime 24 ore. Sale il numero complessivo delle persone contagiate a 3.329. Restano fermi a 292 i decessi. I pazienti covid ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 20. Un solo paziente in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 1.640. I guariti sono 2.589. 

Nelle Marche si registrano oggi 18 i nuovi casi di Covid-19 su 686 tamponi processati nel percorso per le nuove diagnosi. I nuovi positivi sono stati individuati 8 in provincia di Ancona, 6 in provincia di Pesaro-Urbino, 2 in provincia di Ascoli Piceno e 2 fuori regione; questi casi comprendono 2 rientri dall’estero Albania e Pakistan, 8 contatti in ambito domestico, 1 soggetti sintomatico, 6 contatti stretti di casi positivi e 1 caso in fase di verifica. 

In Toscana rilevati 74 nuovi casi su 5.632 tamponi, il 68% è risultato asintomatico, il 14% pauci-sintomatico. Delle 74 positività odierne, 2 casi sono ricollegabili a rientri dall’estero. Gli attualmente positivi sono oggi 3.058, +1,3% rispetto a ieri. I ricoverati sono 119 (2 in più rispetto a ieri), di cui 21 in terapia intensiva (2 in meno). Oggi non si registrano nuovi decessi. 

In Puglia sono stati registrati 67 nuovi casi positivi, 34 in provincia di Bari, 6 in provincia Barletta Andria Trani, 3 in provincia di Brindisi, 10 in provincia di Foggia, 6 in provincia di Lecce, 7 in provincia di Taranto, 1 residente fuori regione. Registrato purtroppo un decesso nella provincia di Taranto. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 7.142.

In Calabria sono 19 i nuovi casi positivi al coronavirus riscontrati al Cas di Amantea, un aumento che porta a 67 il numero totale di persone contagiate nella cittadina della costa tirrenica cosentina. Alla luce di questi nuovi dati è stato convocato d’urgenza, per il pomeriggio di oggi, alle 17, in Prefettura a Cosenza, il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica che si occuperà proprio della difficile situazione che si è venuta a creare nelle ultime settimane nella struttura di Amantea e in quella di Rende. 

Ben 14 nuovi casi di contagio di coronavirus sono stati rilevati in Basilicata su un totale di 577 tamponi processati ieri. I positivi sono residenti a Matera (6), Pisticci (5), Pescopagano, Banzi e Venosa (1). Salgono a 11 (+3) le persone ricoverate: all’ospedale San Carlo di Potenza 4 nel reparto di malattie infettive; all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera 6 nel reparto di malattie infettive e una nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Madonna delle Grazie. Nel bollettino regionale, in cui si conteggiano esclusivamente i casi dei residenti lucani con tampone registrato in Basilicata, sono 106 gli attuali positivi (+14) mentre sono 28 le persone decedute e sono 391 i guariti. Conteggiati a parte altri due lucani (uno in isolamento nel Lazio con tampone eseguito in Basilicata; l’altro in isolamento in Basilicata con positività diagnosticata in Puglia), gli stranieri e i residenti in altre regioni. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 67.504 tamponi, di cui 66.818 risultati negativi.

In Sardegna sale l’allerta nel Nuorese dove saranno disposti tamponi a tappeto su tutta la popolazione di Orune dopo l’allarmante numero di contagi da covid 19 negli ultimi giorni, che ieri ha toccato quota 32 e sembra destinato a salire. Da domani l’Ats manderà nel paese barbaricino un’unità mobile per effettuare lo screening e capire così l’incidenza reale della diffusione del virus nel territorio.

++ sezione aggiornata alle ore 14:12,

In una sola settimana, dal 14 al 20 settembre, ci sono stati quasi 2 milioni di nuovi casi di Covid-19: un aumento del 6% rispetto alla settimana precedente, ma soprattutto si tratta del maggior numero di contagi segnalati in una sola settimana dall’inizio dell’epidemia. Lo sottolinea l’Organizzazione mondiale della sanità nell’aggiornamento epidemiologico settimanale. Nello stesso periodo, c’è stata una diminuzione del 10% nel numero di decessi, con 37.700 morti segnalati negli ultimi sette giorni. In totale, secondo l’Oms, sono oltre 30,6 milioni i casi di Covid-19 e 950mila le vittime. Le Americhe si confermano le più colpite da Covid-19 a livello globale, rappresentando oltre il 38% di tutti i nuovi casi segnalati negli ultimi sette giorni, anche se si registra un calo del 22% dei nuovi decessi. La regione europea ha invece il triste primato del maggior aumento dei morti, +27% rispetto alla settimana precedente. 

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Sale l’allarme in Regno Unito dove il premier Boris Johnson pur ribadendo che non ci sarà un nuovo “lockdown pieno” come a marzo, ha spiegato che il Paese si trova ad “un punto pericoloso di svolta”. Così il premier britannico ha raccomandato ai britannici di lavorare da casa, nei casi in cui questo è possibile. Dal premier giunge anche la conferma che pub, bar e ristoranti in Inghilterra, a partire da giovedì, dovranno chiudere alle 22 e che sarà consentito solamente il servizio ai tavoli.

Obbligo di tampone per chi arriva da Parigi e altre aree Francia

Fonte : Today