Coronavirus Gran Bretagna, coprifuoco per pub e ristoranti

Come anticipato dal Guardian, il premier britannico Boris Johnson avrebbe intenzione di presentare alla Camera dei Comuni un nuovo pacchetto di misure per contrastare la seconda ondata di Covid-19 nel Paese

Il premier britannico Boris Johnson, come suggerito dai consiglieri del governo  Patrick Vallance e Chris Whitty in un briefing sul coronavirus tenutosi negli scorsi giorni, avrebbe intenzione di presentare alla Camera dei Comuni un nuovo pacchetto di misure per contrastare la seconda ondata di Covid-19 nel Paese. Come anticipato dal Guardian, in un discorso televisivo in programma il 22 settembre 2020, il primo ministro britannico potrebbe annunciare il coprifuoco per pub e ristoranti, che da giovedì dovranno probabilmente chiudere alle 10 di sera. Tra le nuove misure, lo smart working verrebbe agevolato per tutti coloro che possono adottarlo e verrebbero comminate più contravvenzioni per chi non rispetta le norme. 

La prima risposta all’impennata dei contagi

Le nuove misure, come riporta la fonte, saranno più morbide rispetto a quelle indicate nei consigli dei consulenti scientifici del governo nelle ultime settimane, che avevano suggerito un lockdown di due settimane per arrestare l’aumento esponenziale delle infezioni registrato nell’ultimo periodo. Non è da escludere, tuttavia, l’inasprimento delle misure nel caso in cui questa prima stretta in risposta all’impennata dei contagi nel Paese non dovesse dare gli effetti desiderati. Nel corso dell’intervento televisivo, il premier britannico Boris Johnson dovrebbe anche indicare alla popolazione ulteriori modi in cui è possibile affrontare il virus, ribadendo la necessità di lavarsi le mani, usare dispositivi di protezione per il viso e rispettare il distanziamento sociale. 

Covid-19: Gb rischia 50.000 casi e 200 morti al giorno

Coronavirus in Italia e nel mondo, le ultime news di oggi 22 settembre

Ad ottobre, se il rimbalzo dei casi non verrà fermato immediatamente, il Regno Unito potrebbe arrivare a segnalare un livello di 50.000 contagi da coronavirus al giorno e di 200 morti quotidiani. Questo è l’allarme lanciato dai professori Patrick Vallance e Chris Whitty, consiglieri del governo di Boris Johnson, in un briefing, nel corso del quale gli esperti hanno suggerito la necessità di restrizioni sui contatti sociali in tutte le aree del Paese dove l’indice d’infezione Rt sia di nuovo superiore alla soglia 1. La diffusione della pandemia va di nuovo “nella direzione sbagliata”, ha dichiarato Whitty, pronosticando “un inverno ancora complicato” ed evocando la necessità di osservare più attentamente le cautele in vigore senza escludere ulteriori restrizioni.

Fonte : Sky Tg24