Première Vision: risultati positivi per la prima edizione digitale

Pubblicato il
21 set 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Première Vision ha chiuso con performance positive il suo primo Digital Show, la versione digitale della manifestazione, che nelle giornate del 15 e 16 settembre ha visto la partecipazione di 1.675 espositori, con oltre 43.000 prodotti, e di 19.500 visitatori unici provenienti da 120 Paesi.

PV

“Le performance di questo primo appuntamento digitale sono molto incoraggianti e ricche di insegnamenti”, ha commentato Gilles Lasbordes, Direttore Generale di Première Vision. “Apprezziamo l’impegno e la reattività della filiera, che si è mobilitata intorno all’evento ricordandoci l’importanza degli incontri fisici. L’appuntamento è per il prossimo febbraio, per un’edizione primavera/estate 2022 che già oggi si annuncia ibrida”.
 
Il marketplace di Première Vision, attivo da settembre 2018, ha fornito agli operatori del settore una serie di strumenti e servizi dedicati: un catalogo digitale interattivo; tool dinamici per mettere in contatto clienti ed espositori; contenuti arricchiti per conoscere le tendenze della stagione e progettare le collezioni; e dei digital talk per confrontarsi sulle sfide future per la filiera.

PV

Il Digital Show resterà attivo sul marketplace della manifestazione per tutta la stagione, ma l’affluenza e le attività nelle prime due giornate hanno dimostrato che l’iniziativa risponde alle nuove esigenze del settore: permettere ai professionisti della filiera moda internazionale di continuare a interagire e a sviluppare il business anche in un contesto economico e sanitario incerto.

Il 2020 ha visto anche la prima edizione dei “NextGen Awards Première Vision”, che hanno l’obiettivo di premiare la creatività tessile degli studenti di tutto il mondo. I vincitori di questa edizione son stati Annika Kiidron, dall’Estonia, che si è aggiudicata il premio Grand Jury; Jifang Zhang, dal Regno Unito, che ha vinto l’Imagination Prize; Netta Getta, da Israele, a cui è stato assegnato l’Interiors Prize; e infine Elisa Defossez, dalla Finlandia, che ha vinto il premio per i materiali innovativi.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Fonte : Fashion Network