Dimentica dove ha parcheggiato l’auto: la ritrova dopo una settimana

Era andato in centro a Monza per fare una passeggiata, ma si è dimenticato dove aveva parcheggiato l’auto. L’incubo per un uomo di 83 anni, milanese, per fortuna si è concluso con un lieto fine: grazie ad un gruppo Facebook locale, a distanza di una settimana, la figlia ha potuto ritrovare la macchina.

Domenica 20 settembre, sul gruppo Facebook ‘Sei di Monza se’, la donna ha chiesto aiuto per ritrovare l’auto del padre. “Mio papà, che è anziano, domenica scorsa è uscito da solo, si è recato in auto in centro a Monza, ha parcheggiato in zona via Dei Mille e quando è stato il momento di tornare alla macchina non si è più ricordato dove l’aveva parcheggiata – si legge nel suo post -. Purtroppo non l’ha più ritrovata. Non ha guardato la via dove ha parcheggiato e ha un vuoto di memoria che non ci permette di capire dove l’abbia messa esattamente. Abbiamo provato a cercarla più volte ma senza risultati. Siamo stati dalla polizia la quale ha detto che molto probabilmente l’auto non è stata rubata ma si trova ancora dove l’ha parcheggiata”.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Il passaparola sul gruppo e il ritrovamento

Gli iscritti al gruppo si sono subito attivati per cercare l’auto, riuscendo effettivamente a ritrovarla, per poi avvertire la figlia del signore milanese, che ha voluto ringraziare di cuore per l’aiuto ricevuto: “Mille volte grazie a questo bellissimo gruppo e alle numerose persone che in questi due giorni si sono date tanto da fare per aiutarci a ritrovare l’auto di mio papà o mi hanno semplicemente scritto con affetto per incoraggiarmi – ha scritto su Facebook -. Grazie specialmente a Pietro Sabbadini che questa sera ce l’ha ritrovata. Si sentono sempre brutte notizie e si parla spesso male della gente… Questa vicenda mi ha fatto capire che le persone, anche sconosciute, sanno essere solidali e che quando c’è bisogno di dare una mano ci sono”.

Fonte : Today