Sottopasso allagato: donna intrappolata in auto, salvata dalla polizia locale

Il sottopasso della via Tiburtina dove è stata soccorsa l’automobilista dalla polizia municipale

E’ rimasta intrappolata nell’abitacolo della propria auto mentre l’acqua allagava velocemente il sottopasso. A vedersela brutta una automobilista di 42 anni, tratta in salvo dagli agenti della polizia locale di Roma Capitale. E’ accaduto intorno alle 15:00 di lunedì nella zona del Tecnopolo, fra Case Rosse e Setteville di Guidonia. 

Le forti piogge si sono infatti abbattute nell’area nord est della Capitale, oltre che sui Comuni alle porte di Roma (Tivoli, Guidonia, Rocca di Papa e Palestrina le aree interessate dal nubifragio). Oltre che sulla Tiburtina gli agenti della municipale sono stati impegnati in diversi interventi per agevolare la viabilità e per la messa in sicurezza delle zone colpite dalle forti piogge, che hanno interessato anche la zona della Nomentana.

Nubifragio alle porte di Roma: allagamenti nei Comuni della provincia romana

In particolare sono poi stati i ‘caschi bianchi’ del IV Gruppo Tiburtino ad intervenire sulla via Tiburtina altezza via San Getullo, per fornire ausilio agli automobilisti rimasti bloccati, causa allagamento, nel sottopasso che si trova poco prima di viale del Tecnopolo direzione Tivoli.  

All’arrivo gli agenti si sono immediatamente attivati, insieme ai vigili del fuoco presenti sul posto,  per aiutare gli automobilisti in difficoltà, tra cui una donna rimasta intrappolata nella propria auto, per la presenza di acqua che aveva superato il metro di altezza. 

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

La pattuglia ha inoltre provveduto a mettere in sicurezza l’area, con chiusura del sottopasso allagato, procedendo a deviare il traffico su viale del Tecnopolo. Avvisata anche la protezione civile per l’invio di macchine idrovore per l’assorbimento della massa di acqua.
 

Fonte : Roma Today