Civitavecchia: 21enne aggredito dal branco con calci, pugni e bottigliate

Aggredito a calci, pugni e colpi di bottiglia si è allontanato ferito, barcollante, con i vestiti sporchi di sangue, e ha incontrato in strada degli agenti di Polizia ai quali ha denunciato i fatti. Protagonista un ragazzo di 21 anni, pestato dal branco nella notte tra sabato 19 e domenica 20 settembre, nel centro di Civitavecchia. Ecco cosa è accaduto. 

L’aggressione dopo una lite

Dalla ricostruzione della vicenda e dalle indagini, ancora in corso, è emerso che la vittima si trovava in compagnia di altri quattro ragazzi dopo una serata a bere tra i locali del centro cittadino. Intorno alle tre nasce un diverbio con uno degli aggressori che, per futili motivi e all’improvviso colpisce il 21enne con uno schiaffo nel viso. Lui non reagisce, ma gli altri componenti del gruppo gli si scagliano comunque contro, prima con calci e pugni, poi con le bottiglia di birra che tenevano ancora in mano, fino a farlo cadere a terra.  

L’arrivo degli agenti

Il giovane non chiama i soccorsi, si rialza e si avvia barcollante verso la stazione ferroviaria. Qui incontra una volante del commissariato in servizio di controllo sul territorio. Gli agenti notano le ferite e il sangue sui vestiti. Gli chiedono cosa sia successo. Lui, reticente, racconta di essere stato aggredito a calci, pugni e bottigliate da un gruppo di ragazzi, alcuni di sua conoscenza, ma non fornisce le loro generalità e dichiara di non voler sporgere denuncia e di non aver bisogno di cure mediche. 

Denunciati gli autori del pestaggio

Subito dopo, gli agenti della volante riescono comunque a identificare i quattro ragazzi su viale Garibaldi. Alcuni di loro portano addosso segni riconducibili a una colluttazione, una maglietta strappata o escoriazioni sugli arti che provano a giustificare con scuse quali la caduta accidentale o segni pregressi.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

La mattina successiva, gli investigatori, dopo aver risentito la vittima che ha confermato di non voler presentare denuncia, e di non aver bisogno di sottoporsi a cure mediche, nonostante ancora dolorante, hanno effettuato, anche grazie al sopralluogo della Polizia Scientifica, un’esatta ricostruzione dell’aggressione, risalendo all’identità dei 4 ragazzi che hanno partecipato all’aggressione e denunciandoli all’Autorità Giudiziaria per lesioni in concorso, aggravate dall’uso di oggetti contundenti.

Fonte : Roma Today