Mattias e Marlon: aggrediti e picchiati per un bacio gay

Mattias Fascina e Marlon Landolfo hanno 21 e 27 anni e risiedono a Padova. Da qualche mese si frequentano e venerdì scorso tra il palazzo del Municipio e le piazze sono stati aggrediti e picchiati. I due hanno litigato con un gruppo di giovani padovani dopo essersi scambiati un bacio e sono stati presi a calci e pugni mentre Giacomo, un loro amico non omosessuale, è stato raggiunto da una bottigliata in testa che gli ha provocato una ferita suturata con 5 punti. A raccontare tutti i dettagli sono stati i due protagonisti con un video su Facebook che è stato postato nel pomeriggio di ieri dopo che per tutto il giorno la notizia di una rissa a sfondo omofobo era rimbalzata tra gli ambienti di Palazzo Moroni e quelli dei bar di piazza delle Erbe

[embedded content]

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

«Siamo stati attaccati io e un altro ragazzo che per primi abbiamo cercato di difenderci, uno degli aggressori mi ha buttato a terra, prendendomi a pugni in faccia e a un nostro amico hanno spaccato una bottiglia in testa». E ancora: «Mi hanno fatto male al piede al grido di frocio di merda, poi si sono appoggiati sopra di me in modo molto pesante, questi vigliacchi sono scappati via, si sono allontanati lasciandoci in quella situazione, abbiamo deciso di raccontare e testimoniare quanto avvenuto perché siamo stanchi di dover far fronte ad attacchi omofobi. Vogliamo dire basta, facendo in modo che episodi simili e manifestazioni di odio e di discriminazione vengano troncati sul nascere». Infine: «Ne abbiamo visti fin troppi di episodi di questo genere e penso anche al giovane Willy, ucciso dalla mascolinità tossica e da comportamenti menefreghisti davanti alla diversità. È giunto il momento di dire basta e di farlo tutti assieme. Dobbiamo scendere nelle piazze, confrontarci con altri che hanno subito lo stesso trattamentoenon hanno trovato il modo o il coraggio di raccontarlo». 

La donna che veglia per giorni il marito senza vita

Fonte : Today