Coronavirus, il bollettino di venerdì 18 settembre: 1.907 nuovi casi e 10 morti, la mappa dei nuovi focolai

Coronavirus, il nuovo bollettino coronavirus del Ministero della Salute di oggi venerdì 18 settembre 2020 conferma il preoccupante trend in costante aumento del numero dei nuovi casi di positività al Sars-Cov-2. Nelle ultime 24 ore si è registrato uno dei più elevati incrementi dall’1 maggio con 1907 casi e 10 morti. Sono infatti molteplici i nuovi casi che hanno accompagnato l’apertura delle scuole con numerosi tra alunni, professori e famiglie. Consola il leggero calo della tensione sulle terapie intensive, in linea l’incremento dei ricoveri. Picco di casi registrati nel Lazio.

L’ultimo bollettino coronavirus pubblicato ieri giovedì 17 settembre registrava 1.585 nuove diagnosi di positività alla Covid-19 e 13 decessi (ieri 12). Sale ancora la pressione sugli ospedali dove si registrano 2560 ricoverati (+68) nei reparti covid mentre 212 pazienti in condizioni critiche necessitano della terapia intesiva (+5). (Terapie intensive: +41% in sette giorni)

Vediamo ora nel dettaglio tutti i dati. In coda all’articolo la sezione aggiornata con le ultime notizie in arrivo dalle regioni per far luce sui nuovi focolai di coronavirus e le ultime notizie sull’epidemia di Covid-19 in Italia 

Coronavirus, il bollettino di oggi venerdì 18 settembre 2020​​

  • Attualmente positivi: 42.457
  • Deceduti: 35.668 (+10)
  • Ricoverati: 2.387 (+39)
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 208 (-4)
  • Isolamento domiciliare: 39.862
  • Casi totali: 294.932 (+1.907)
  • Tamponi: 99.839

Il bollettino coronavirus di oggi 18 settembre 2020 (Pdf)

bollettino oggi coronavirus 18 settembre 2020-2

Quanto alle evidenze territoriali si registrano: 

  • Lombardia: 104.304 casi totali (9.027 attualmente positivi) (224 nuovi casi)
  • Piemonte: 34.167 (2.262) (127)
  • Emilia-Romagna: 34.093 (4.369) (121)
  • Veneto: 25.423 (3.009) (176)
  • Lazio: 13.982 (5.413) (193)
  • Toscana: 13.522 (2.700) (99)
  • Liguria: 12.329 (1.414) (158)
  • Campania: 9.940 (4.465) (208)
  • Marche: 7.679 (606) (29)
  • Puglia: 6.836 (1.986) (84)
  • Sicilia: 5.748 (2.157) (179)
  • P.A. Trento: 5.667 (558) (18)
  • Friuli Venezia Giulia: 4.312 (672) (39)
  • Abruzzo: 4.137 (679) (54)
  • P.A. Bolzano: 3.255 (385) (72)
  • Sardegna: 3.108 (1.567) (66)
  • Umbria: 2.160 (455) (21)
  • Calabria: 1.785 (421) (28)
  • Valle d’Aosta: 1.276 (49) (8)
  • Basilicata: 628 (163) (0)
  • Molise: 581 (100) (3)
     
  • Articolo in aggiornamento, clicca qui per refreshare la pagina 

I focolai di coronavirus: i dati regione per regione

In attesa di conoscere intorno alle 17:00 i numeri del bollettino coronavirus comunicati dal Ministero della Salute, vediamo gli aggiornamenti in diretta dalle singole regioni. 

coronavirus nuovi casi-4

In Lombardia sono 224 i nuovi casi positivi con 16.828 tamponi effettuati. Due i nuovi decessi per un totale di 16.908 morti in regione dall’inizio della pandemia. Sono stabili i ricoveri in terapia intensiva (32 in totale), aumentano quelli negli altri reparti (+12, 284). Milano resta la provincia più colpita con 81 nuovi casi, di cui 47 a Milano città, seguita da Pavia (32), Brescia (22), Monza e Brianza (17), Varese e Bergamo (15). 

In Veneto sono 3.009 gli attualmente positivi con 108 nuovi casi registrati. I soggetti ricoverati in ospedale in area non critica sono 167, di cui 115 attualmente positivi e 52 negativizzati. In terapia intensiva sono invece ricoverati 16 pazienti, di cui otto attualmente positivi e otto negativizzati.

In Trentino sono 19 le persone trovate positive al coronavirus di cui quattro minori. Ieri i positivi erano 76. I tamponi processati nelle ultime 24 ore sono 1.794. Alcuni dei nuovi casi sono legati ai cinque focolai del settore di lavorazione delle carni, in cui sono stati trovati complessivamente 297 casi di persone positive (in maggioranza in età compresa tra i 16 e 39 anni). Le persone ricoverate sono 12, nessuna delle quali in terapia intensiva. 

In Friuli Venezia Giulia sono 15 i nuovi positivi. Quattro pazienti sono in cura in terapia intensiva, mentre 22 sono ricoverati in altri reparti. Non sono stati registrati nuovi decessi (349 in totale).  

In Emilia Romagna sono 121 i nuovi positivi mentre purtroppo si registra un decesso, un uomo di 70 anni, in provincia di Rimini, con patologie pregresse. I tamponi effettuati sono 9.674,(per un totale di 1.068.778) a cui si aggiungono anche 2.647 test sierologici. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 4.369 (92 in più di quelli registrati ieri). Ventuno i pazienti in terapia intensiva (come ieri), mentre i ricoverati negli altri reparti Covid 182 (+4). Questi i principali dati sul coronavirus registrati alle 12 di oggi in Emilia Romagna: da inizio epidemia, si sono registrati 34.093 casi di positività.

In Toscana si contano 99 casi di coronavirus. Oggi viene registrato un moderato incremento del numero dei ricoverati in area Covid: sono in tutto 116 (+7 rispetto a ieri), di cui 21 in terapia intensiva (+1). Dall’inizio dell’epidemia salgono a 13.522 i contagiati, a 9.760 i guariti e a 1.152 i deceduti. In base a quanto riscontrato dal monitoraggio delle aziende sanitarie, inoltre, aumentano sia i pazienti con sintomi lievi posti in quarantena (2.584, +43) che le persone in sorveglianza attiva (4.594, +170). 

Nelle Marche i casi positivi complessivamente accertati nelle ultime 24 ore sono stati 29 e un nuovo paziente Covid-19 è stato ricoverato in ospedale nelle ultime 24 ore: è il ventitreesimo delle Marche e il totale è in continua crescita da cinque giorni consecutivi. Restano 2 quelli assistiti nella terapia intensiva dell’ospedale regionale di Torrette; gli altri pazienti si trovano nei reparti non intensivi di Pesaro (5), Fermo (5) e Torrette (12, tra le quali una donna in ginecologia). In tutta la regione ci sono 583 persone in isolamento domiciliare, 23 piu’ di ieri; restano 17 gli ospiti della struttura per anziani post Covid di Campofilone (Fermo). 

Nel Lazio su quasi 11 mila tamponi oggi nel Lazio si registrano 193 casi di questi 108 sono a Roma.  Nella Asl Roma 1 sono 33 i casi nelle ultime 24 ore e di questi sei sono casi di rientro, tre con link dalla Sardegna, uno dalla Croazia, uno dall’Ucraina e uno dalla Francia. Nove sono casi con link familiare o contatto di un caso già noto e isolato. Due i casi individuati in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl Roma 2 sono 63 i casi nelle ultime 24h e tra questi tredici i casi di rientro, cinque con link dalla Sardegna, tre dall’Ecuador, uno dalla Spagna, uno dalla Croazia, uno dal Messico e due con link alla comunità del Perù. Tredici sono i contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl Roma 3 sono 12 i casi nelle ultime 24 ore e si tratta di quattro casi di rientro, tre casi con link dalla Sardegna e uno dalla Germania. sei i contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl Roma 4 sono 8 i casi nelle ultime 24h e si tratta di due casi con link dalla Sardegna e sei contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl Roma 5 sono 19 i casi nelle ultime 24 ore e si tratta di cinque casi di rientro tre dalla Sicilia e due con link alla comunità del Perù. Quattro i casi individuati in fase di pre-ospedalizzazione e tre sono i contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl Roma 6 sono 10 i casi nelle ultime 24 ore e si tratta di un caso con link dalla Sardegna. Sei sono i contatti di casi già noti e isolati e un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione. Nelle province si registrano 48 casi e zero decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono sedici i casi e si tratta di sei casi di rientro, uno con link dalla Sardegna, uno dalla Campania, uno da Singapore, uno dalla Grecia, due dalla Sicilia. Due hanno un link al cluster del mercato ittico dove è in corso l’indagine epidemiologica. Nella Asl di Frosinone si registrano cinque casi e si tratta di un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione e quattro contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Rieti si registrano quindici casi e si tratta di tredici casi con link ad un cluster in una RSA dove è in corso l’indagine epidemiologica. Nella Asl di Viterbo si registrano dodici casi e si tratta di un caso di rientro dall’Ucraina e cinque contatti di casi già noti e isolati”.

In Abruzzo sono 54 i nuovi contagi da Covid 19 e tra questi c’è anche un bambino di 3 anni. È  il numero più alto registrato da inizio estate. Si conta anche un nuovo decesso, un 86enne della provincia de L’Aquila. Questa la distribuzione per provincia dei casi registrati, compresi quelli di oggi: 584 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+12 rispetto a ieri), 979 in provincia di Chieti (+16), 1.780 in provincia di Pescara (+17), 761 in provincia di Teramo (+7), 30 fuori regione (-2) e 3 (+2) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Al netto dei riallineamenti e delle verifiche di residenza, i casi positivi di oggi fanno riferimento alla provincia dell’Aquila (12), Chieti (18), Pescara (16) e Teramo (8). Invariato il numero dei pazienti in terapia intensiva (5), con i ricoveri in ospedale che con i tre di oggi salgono a 48. Sono 626 (+48 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Nel Lazio preoccupazione nel reatino per un fcolaio nella Rsa di Torri in Sabina: le indagini della Asl Roma 3 hanno finora identificato 13 ospiti e una operatrice positivi. Per 12 di loro è in corso il trasferimento in centri Covid di Roma mentre un ospite è ricoverato presso l’Unità di Malattie Infettive dell’ospedale de’ Lellis di Rieti, mentre l’operatrice è in isolamento presso la Residenza Sanitaria Assistenziale insieme agli altri ospiti e operatori, su cui sono in corso ulteriori indagini epidemiologiche.

In Campania sono 208 le persone risultate positive al coronavirus su 7460 tamponi, dato che porta a 9940 il computo degli attuali positivi. Nel bollettino di oggi non vengono segnalate vittime in Campania, dove i deceduti sono complessivamente 455. Sale il numero delle persone guarite, che arriva a 5020 con i 50 registrati nella giornata di oggi. 

In Puglia sono 84 oggi i nuovi casi positivi al covid-19 su 3773 test effettuati. Ieri erano stati di meno, 63, su un numero maggiore di test, 4011. Oggi si sono registrati due decessi, uno in provincia di Taranto e l’altro in provincia di Bari, contro l’unico morto di ieri. Degli 84 positivi odierni, 35 sono in provincia di Bari, 4 in provincia di Brindisi; 11 in provincia Bat, 23 in provincia di Foggia, 5 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Taranto. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 368.571 test. Sono 4.273 i pazienti guariti (+11 rispetto a ieri) e 1.986 i casi attualmente positivi (+71), dei quali 212 ricoverati (-2) e 1774 a domicilio (+73). Del totale degli attualmente positivi, lo 0.6% si trova ricoverato in terapia intensiva e il 10,1% negli altri reparti. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio dell’emergenza è di 6.836, così suddivisi: 2.640 nella provincia di Bari; 551 nella provincia di Bat; 753 nella provincia di Brindisi; 1.606 nella provincia di Foggia; 743 nella provincia di Lecce; 490 nella provincia di Taranto; 52 attribuiti a residenti fuori regione. Dei 35 nuovi casi di contagio da Sars-Cov 2 rilevati nella giornata odierna dal Dipartimento di Prevenzione nella provincia di Bari “25 positività – spiega il direttore generale della Asl Antonio Sanguedolce – riguardano contatti stretti collegati a casi già isolati precedentemente e sottoposti a sorveglianza epidemiologica, mentre per i restanti 10 casi è in corso l’attività di tracciamento”. Dei quattro positivi registrati oggi in provincia di Brindisi “due – riferisce il dg della Asl Giuseppe Pasqualone – sono contatti stretti di casi già individuati e due sono persone sottoposte a tampone dopo aver manifestato sintomi collegabili al Covid”. Sugli 11 i casi registrati oggi nella provincia Bat “6 – afferma il direttore generale Alessandro Delle Donne – si sono rivolti al Pronto Soccorso con sintomi lievi, 4 sono contatti stretti di positivi registrati nei giorni scorsi. Su un ultimo caso sono in corso indagini epidemiologiche”. Delle 23 nuove positività registrate nelle ultime 24 ore in provincia di Foggia “17 – evidenzia il direttore generale Vito Piazzolla – sono contatti di casi già noti; 3 sono persone sintomatiche. Gli ultimi 3 sono cittadini asintomatici, individuati durante le attività di screening. I 5 casi registrati oggi dal Dipartimento di prevenzione di Lecce “riguardano 3 contatti stretti di casi già noti e due residenti in provincia di Lecce sottoposti a tampone di screening”, sottolinea il direttore generale Rodolfo Rollo. I 6 casi di Covid rilevati in provincia di Taranto “sono da attribuirsi a contatti stretti di casi di positività, già registrati, di lavoratori di un’azienda di un’altra provincia interessata da un focolaio”, conclude il direttore generale Stefano Rossi.

La Basilicata torna a contagi zero con 438 tamponi effettuati. Registrate tre guarigioni, due persone residenti a Matera, di cui una ricoverata all’ospedale ‘Madonna delle Grazie’ e in attesa di dimissioni, e di una persona di nazionalità estera in isolamento in Basilicata. Con questo aggiornamento i lucani attualmente positivi sono 89 e di questi 83 si trovano in isolamento domiciliare. Sono 7 i ricoverati nelle strutture ospedaliere lucane.

La Regione Sicilia comunica che dei 179 nuovi casi positivi di oggi, 21 sono ospiti della Comunità ‘Biagio Conte’ e 37 sono migranti ospiti degli hotspot siciliani.

La Regione Calabria comunica che dei 28 nuovi casi positivi di oggi, 12 sono migranti.

Sono 66 i nuovi contagi da coronavirus registrati in Sardegna nelle ultime 24 ore su 1.938 test, per un totale di 3.108 casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati sull’isola dall’inizio dell’emergenza. Si registra una nuova vittima nella provincia di Sassari: si tratta di una donna, asintomatica, risultata positiva al Covid-19 in seguito al tampone eseguito per l’accesso in ospedale, dove era stata trasportata per altri gravi motivi di salute. Il totale dei decessi da coronavirus sale a 141. Sono invece 89 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+5), mentre resta invariato il numero dei pazienti (17) in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 1.461.  Sul territorio, dei 3.108 casi positivi complessivamente accertati, 504 (+9) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 308 (+10) nel Sud Sardegna, 195 (+8) a Oristano, 289 (+8) a Nuoro, 1.812 (+31) a Sassari.

++ sezione aggiornata alle ore 17:01,

Ci sono poche prove a sostegno della trasmissione del nuovo coronavirus attraverso le superfici, mentre la distanza sociale si rivela fondamentale, perché il droplet si conferma il modo più comune per diffondere il Covid-19. A dirlo, dopo l’analisi delle prove emerse da molti studi in materia, è un articolo pubblicato sugli Annals of Internal medicine. I ricercatori hanno anche mostrato che il coronavirus raggiunge il picco di trasmissibilità circa un giorno prima dell’insorgenza dei sintomi e diminuisce entro una settimana dall’esordio di questi. 

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Si può contrarre il coronavirus anche solo parlando con un asintomatico 

I ricercatori del Montefiore Medical Center, dell’Ospedale dell’Università della Pennsylvania, del Massachusetts General Hospital, della Harvard Medical School e del Brigham and Women’s Hospital hanno studiato articoli scientifici pubblicati tra gennaio e settembre 2020, nonché studi pertinenti e rapporti istituzionali o governativi, per determinare capacità di replicazione, possibili host e fattori ambientali che contribuiscono alla trasmissione di Covid-19. Hanno scoperto che, sebbene diversi studi sperimentali suggeriscano che le particelle virali potrebbero vivere per ore dopo esser state depositate su superfici, gli studi effettuati nel cosiddetto ‘mondo reale’ riportano livelli molto bassi di RNA virale nell’ambiente. Prove evidenti da casi e rapporti di cluster indicano che la trasmissione respiratoria è dominante, quindi vicinanza e ventilazione degli ambienti sono i “determinanti chiave del rischio di trasmissione”. Mentre quella attraverso superfici di materiali “risulta insolita” e “anche nei pochi casi in cui si presume possa essere avvenuta, la trasmissione respiratoria non era stata completamente esclusa”.

Fonte : Today