Pigneto, un flash mob per raccogliere il vetro abbandonato: “Così sensibilizziamo le persone”

Un flash mob in varie zone del Pigneto per una racconta straordinaria di rifiuti in ‘vetro’ e per sensibilizzare residenti e frequentatori del quartiere sul tema del “degrado che causa l’abbandono incontrollato di vetro nelle strade e su quello che tutti, anche solo attraverso piccoli gesti quotidiani, possono fare per migliorare le cose”. E’ l’iniziativa lanciata dall’Associazione Culturale Vivo il Pigneto, in concomitanza con il Pigneto Film Festival e nell’ambito delle iniziative sul tema del vetro che da tempo porta avanti. L’appuntamento per tutti gli interessati è per domenica 20 settembre in Piazza Nuccitelli alle ore 9. Qui avrà inizio l’attività di pulizia e raccolta del vetro che proseguirà ai giardini della Scuola Toti, su via del Pigneto e terminerà a Piazza del Pigneto. Parteciperanno alle attività anche i volontari della Comunità senegalese del Pigneto, grazie al contributo dell’Associazione dei senegalesi a Roma.

Il programma delal giornata si sposterà nel pomeriggio alle 17 all’Isola Pedonale per la realizzazione di una installazione con riutilizzo del vetro raccolto durante la mattina, a cura dell’artista Mokodu Fall, originario del Senegal, “con lo scopo di valorizzare ed interpretare il vetro come risorsa e non solo come rifiuto”. Infine, alle 19, al Cinema Aquila si terrà la presentazione dell’Associazione Vivo il Pigneto all’interno del Pigneto Film Festival. Per tutta la durata del festival, dal 20 al 26 settembre, fanno sapere dall’associazione, “saremo presenti con un nostro punto informazioni presso i Cinema Aquila e Avorio dalle ore 20 alle ore 23”. 

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Vivo il Pigneto è un’associazione culturale senza fini di lucro che nasce a Roma il 15 febbraio 2020, con lo scopo di favorire la promozione e lo sviluppo di tutte quelle attività sociali tese a migliorare la qualità di vita nel quartiere sia per i suoi abitanti, che per i frequentatori della zona. Costituita da medici, insegnanti, artisti, commercianti, architetti, avvocati, artigiani, giovani e meno
giovani, ma soprattutto da amanti di questo quartiere che, dopo anni di iniziative – individuali o tramite il gruppo Pigneto Vivo e le chat whatsapp per le segnalazioni – hanno deciso di associarsi, pronti a mettere le proprie capacità, il proprio tempo e la propria passione a servizio del Pigneto.

Fonte : Roma Today